Mercoledì sera, la deputata Rashida Tlaib ha introdotto un conto davanti alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti che cerca di far sì che gli operatori di stablecoin fiat fissati rispettino le stesse regole e gli stessi requisiti di registrazione che ci si aspetta dalle banche.

La legislazione, sotto il nome di “Stablecoin Tethering and Bank Licensing Enforcement Act (STABLE) Act”, stabilisce una definizione nuova ed estremamente ampia di stablecoin. Inoltre impone una serie di limitazioni che vietano l’emissione di stablecoin per qualsiasi entità che non sia “un’istituzione di deposito assicurata che è un membro del Federal Reserve System”,

In modo più aggressivo, una delle disposizioni del disegno di legge lo farebbe:

“È illegale per qualsiasi persona emettere una stablecoin o un prodotto correlato alla stablecoin, fornire qualsiasi servizio correlato alla stablecoin o impegnarsi in altro modo in qualsiasi attività commerciale correlata alla stablecoin, inclusa l’attività che coinvolge stablecoin emesse da altre persone.”

Le disposizioni hanno provocato una protesta notevolmente unificata dalla comunità crittografica, compresi i colleghi di Tlaib nel Comitato per i servizi finanziari.

“Le implicazioni per questo sono semplicemente orribili”, ha detto a Cointelegraph il rappresentante Warren Davidson riguardo al disegno di legge. “Tra gli effetti peggiori ci sono le persone che Tlaib sta cercando di proteggere, che sono le persone prive di banche e sottobanche”.

I requisiti del disegno di legge, ha ragionato Davidson, garantirebbero che solo le principali banche sarebbero in grado di utilizzare le tecnologie stablecoin negli Stati Uniti “Non conosco le loro motivazioni, ma so che l’effetto è di bloccare JPMcoin e uccidere tutto il resto”.

In una dichiarazione, il membro del Congresso Tom Emmer ha presentato allo stesso modo i vantaggi che le stablecoin potrebbero avere per gli utenti a basso e medio reddito:

“Quelli di noi che sostengono lo sviluppo di queste nuove innovazioni negli Stati Uniti hanno lavorato per conoscere e comprendere questa tecnologia, che sta per avere enormi impatti benefici sugli americani a reddito medio-basso e sugli individui di tutto il mondo”.