Tre senatori degli Stati Uniti hanno firmato una lettera esortando i funzionari olimpici a vietare agli atleti americani di utilizzare lo yuan digitale durante i Giochi invernali di Pechino del 2022.

In una lettera di lunedì alla presidente del comitato olimpico e paralimpico degli Stati Uniti Susanne Lyons, i senatori repubblicani Marsha Blackburn, Roger Wicker e Cynthia Lummis richiesto i funzionari impediscono agli atleti statunitensi di utilizzare o accettare lo yuan digitale, data la loro affermazione che può essere “tracciato e rintracciato” dalla People’s Bank of China, o PBoC. I tre hanno affermato che il Partito comunista cinese potrebbe utilizzare la valuta digitale per sorvegliare gli atleti in visita e al loro ritorno negli Stati Uniti.

I senatori hanno affermato che il governo cinese ha recentemente implementato nuove funzionalità per lo yuan digitale, dando ai funzionari la possibilità di “conoscere i dettagli esatti di ciò che qualcuno ha acquistato e dove”. Hanno citato il app di messaggistica e pagamento WeChat come precedente, sostenendo che la piattaforma era “già utilizzata per sorvegliare, minacciare e arrestare cittadini cinesi”.

Lummis, Blackburn e Wicker hanno richiesto un briefing sull’argomento per il Comitato del Senato per il commercio, la scienza e i trasporti entro 30 giorni. Hanno esortato il comitato olimpico a lavorare con le agenzie federali “per proteggere la privacy degli atleti americani dal governo comunista cinese”.

Relazionato: La Cina mira a consentire agli stranieri di utilizzare lo yuan digitale alle Olimpiadi invernali del 2022

La Cina ha iniziato prove pilota del suo yuan digitale nell’aprile 2020, regalando migliaia di dollari della valuta digitale della banca centrale, o CBDC, a residenti in diverse città. La PBoC ha anche affermato che stava esplorando l’opportunità di consentire ad atleti e visitatori stranieri di utilizzare il CBDC durante le Olimpiadi invernali di Pechino nel 2022, che secondo quanto riferito sarebbe il primo test del genere da parte di cittadini stranieri in Cina.

Sebbene le Olimpiadi estive del 2020 a Tokyo siano state ritardate di un anno a causa della pandemia di COVID-19 in corso, secondo quanto riferito Pechino è ancora sulla buona strada preparazione per i giochi invernali, il cui inizio è previsto per febbraio 2022. La Commissione sanitaria nazionale cinese ha costantemente segnalato meno di 200 nuovi casi domestici giornalieri di COVID-19 da marzo 2020, ma alcuni rapporti hanno suggerito il governo è responsabile di una campagna di disinformazione sulla pandemia.