Nell’ambito della DC Fintech Week, una conferenza digitale sul lato governativo del settore della tecnologia finanziaria, diversi leader internazionali si sono riuniti per un panel del 19 ottobre chiamato: Banche centrali, CBDC e criptoeconomia.

“Non vedo barriere tecnologiche in quest’area, ma vedo sfide tecnologiche”, ha detto nel panel Cecilia Skingsley, Primo Vice Governatore della Riksbank, la banca centrale della Svezia.

“La sfida non è tanto la tecnologia in sé, ma piuttosto: dobbiamo scegliere su quale tipo di obiettivi politici vogliamo concentrarci, qual è il problema che vogliamo risolvere”, ha spiegato. “A seconda di cosa si tratta e degli scopi che vogliamo servire, poi scegli la tecnologia dopo.”

Il pannello ha visto discussioni tra quattro autorità separate su vari aspetti delle CBDC, inclusa la corsa globale verso una tale valuta, nonché le barriere. Oltre a Skingsley, il panel ha ospitato il membro del comitato esecutivo della BRI Benoit Coeure, il vice governatore della Bank of England Jon Cunliffe e l’ex presidente della CFTC degli Stati Uniti J. Christopher Giancarlo.

Per quanto riguarda la Bank of England, Cunliffe ha spiegato che il contante è una parte ingombrante dell’economia. “Il denaro fisico non è più conveniente”, ha detto. “Sta diventando sempre più scomodo per le persone da usare nella loro vita quotidiana, e la crisi COIVD lo ha accelerato”, ha aggiunto. “D’altra parte, sta diventando sempre meno accettabile per i commercianti per alcune delle stesse ragioni, anche per i commercianti che sono in grado di accettare denaro fisico”.

Giancarlo ha sottolineato in particolare l’atmosfera competitiva attorno al lancio di una CBDC, sottolineando che vincere la gara non è il punto più importante – sentiment, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell anche recentemente espresso.

“Se c’è un vincitore, non credo che il vincitore sia necessariamente chi è il primo e il perdente è necessariamente chi è l’ultimo”, ha detto Giancarlo durante il panel. “Ciò che conta è quale banca centrale incorpori con successo i suoi valori sociali in uno sviluppo di successo della CBDC”, ha spiegato. “D’altra parte, non si può essere troppo tardi per la partita qui”, ha aggiunto.

Menzionando a rapporto della BRI del gennaio 2020, Coeure ha ricordato al pubblico che un gran numero di banche centrali mondiali considera le CBDC uno sforzo di ricerca utile. La Cina ha in particolare caricato in avanti con il suo sviluppo CBDC nel 2020.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here