Globale valute digitali della banca centrale o CBDCs, non richiedono l’uso della tecnologia blockchain, secondo i dirigenti delle principali banche centrali europee.

Thomas Moser, un membro supplente del consiglio di amministrazione della banca centrale svizzera, e Martin Diehl della Deutsche Bundesbank hanno discusso lo stato delle CBDC alla conferenza European Blockchain Convention Virtual 2020 il 21 settembre.

Durante la tavola rotonda online, sia Diehl che Moser sembravano concordare sul fatto che i progetti CBDC globali come Yuan digitale cinese non serve blockchain, citando una serie di motivi.

Moser ha affermato che i casi d’uso primari per blockchain intendono fornire fiducia quando un progetto non ha una parte centrale. “Come per esempio Bitcoin, penso che sia un ottimo caso d’uso per blockchain”, ha osservato il dirigente.

Tuttavia, ha proseguito affermando che il coinvolgimento della banca centrale rende non necessario l’uso della blockchain perché la fiducia è fornita da una parte centrale:

Ma se hai una banca centrale, questa è la parte centrale. E se ti fidi di quella parte centrale, penso che non sia davvero semplice pensare che hai bisogno di una blockchain “.

Il dirigente ha anche notato che la Banca nazionale svizzera pubblicherà presto un documento di lavoro che propone un CBDC al dettaglio senza blockchain. Secondo Moser, il progetto imminente preserverà la transazione privacy – una caratteristica chiave del denaro contante – utilizzando la tecnologia delle firme cieche invece di una blockchain.

Diehl, responsabile dell’analisi dei sistemi di pagamento presso la Deutsche Bundesbank, ha osservato che la tecnologia blockchain non è necessaria per CBDC, citando esempi di due importanti iniziative CBDC come Yuan digitale cinese e Corona elettronica svedese. “Né la Riksbank svedese, né la Banca popolare cinese sembrano utilizzare blockchain, quindi blockchain non è un must”, ha detto il dirigente.

Diehl ha anche osservato che non ha senso implementare blockchain pubblici o non autorizzati per i sistemi CBDC. Fornire una rete per le principali criptovalute come Bitcoin (BTC) e Ether (ETH), le blockchain pubbliche non possono essere di proprietà di nessun partito centrale e sono completamente aperte a chiunque per unirsi e partecipare. “Le blockchain non autorizzate utilizzate per le transazioni blockchain ufficiali per me non sono concepibili”, ha detto Diehl.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here