Il mondo moderno è diventato troppo piccolo per il comfort. La verità è che il progresso tecnologico è un’arma a doppio taglio, che ha il potenziale per migliorare drasticamente le vite umane a molti livelli e interromperle in un batter d’occhio, plasmando le cose a livello globale in una misura non ancora vista.

Anche se godiamo di rapidi progressi nei servizi di crittografia e nei settori delle risorse digitali, le continue violazioni della sicurezza e gli hack rappresentano una grave minaccia per i partecipanti al mercato. L’essenza stessa della sicurezza nel mondo moderno è messa in discussione. Pertanto, è giunto il momento di chiarire il complesso argomento della fungibilità nel campo degli asset digitali.

Come è andato tutto in discesa

Tutto è online al giorno d’oggi. Ci siamo concentrati così tanto sul futuro che non siamo riusciti a riconoscere il punto di non ritorno. Negli anni ’90, Internet era una specie di miracolo, uno sviluppo originale arcano. Oggi, nell’era dei social media mobile-driven, difficilmente possiamo immaginare la nostra esistenza senza la necessità di interagire o comunicare con qualcuno ogni due minuti.

Al giorno d’oggi vediamo quel Web 2.0. lo sviluppo non riguarda solo i vantaggi poiché molti gruppi criminali organizzati professionalmente hanno generato una famigerata ondata di attacchi di hacking nel mondo digitale. Le aziende di medio livello non sono più le uniche ad affrontare il pericolo: i migliori marchi sono presi di mira dagli hacker per ottenere milioni in riscatto e persino gli scambi di criptovaluta più noti sono colpiti. Anche star dei media e politici sono diventati vittime di tali eventi spiacevoli, avendo sperimentato hack di Twitter all’inizio di questa estate, che si è rivelato un attacco di ingegneria sociale ben coordinato.

Relazionato: Riepilogo degli hack di Crypto Twitter: un “campanello d’allarme” per le piattaforme centralizzate

Nel frattempo, l’emergere delle criptovalute e il loro lento ma costante percorso verso adozione tradizionale ha sollevato domande sulla sicurezza dei fondi. L’avvento di Internet mobile ha portato al successo del neo-banking tra le popolazioni che in precedenza non erano in grado di ottenere un conto corrente in euro o dollari, come nei mercati emergenti come Africa, India e paesi dell’Asia meridionale. Le app di criptovaluta sono diventate di grande importanza poiché le persone si fidavano di valute che non sono soggette a forte volatilità. Con l’introduzione delle stablecoin, ad esempio, è diventato possibile aprire un conto corrente in euro in un minuto.

Tuttavia, la sicurezza e il decentramento sono argomenti che erano stati discussi molto prima che le criptovalute diventassero popolari. Questo obiettivo è stato fissato come uno degli obiettivi primari della rivoluzione crittografica, ma è spesso frainteso nel mondo moderno.

Capire lo strato di fungibilità

Il processo tecnico coinvolto nel funzionamento degli ecosistemi crittografici è difficile da giudicare dall’esterno. Ma possiamo sicuramente essere sicuri da una prospettiva di alto livello che quando la finanza decentralizzata o la finanza senza autorizzazione affronta un sistema legale esistente, c’è sempre spazio per qualche compromesso. Se le autorità legali chiedono a una determinata piattaforma di reagire, intraprendono un’azione burocratica o cessano di esistere perché il tribunale ordina loro di interrompere le loro attività.

Ciò mette in dubbio la capacità fondamentale delle risorse digitali di essere fungibili. Quando si verifica una manipolazione o un furto specifico, alcuni di questi beni diventano non fungibili. Poiché una piattaforma centralizzata che ha facilitato tali operazioni è stata inconsapevolmente coinvolta nell’aiutare i ladri, è necessario intraprendere l’azione richiesta dalle forze dell’ordine. Deve quindi fornire prove in tribunale che la squadra ha fatto tutto il possibile per fermare le frodi.

Cosa succede dopo? Una determinata piattaforma si rivolge a un’altra piattaforma o controparte centralizzata e inserisce nella blacklist le risorse digitali che sono state rubate. Altri scambi inizieranno a rifiutare di accreditare quelle risorse digitali sugli account, rendendole infine non fungibili. Nel mondo reale, il riciclaggio di denaro è quando il cosiddetto “denaro sporco” è mescolato con “denaro pulito”. Tutti hanno toccato fatture che sono state coinvolte in qualche commercio illegale almeno una volta nella vita; dal momento che è facile mescolare denaro contante, non possiamo mai rivelare che sia realmente accaduto.

Con le risorse digitali in atto, è molto più facile tracciare tutto. La più grande domanda fondamentale sorge: A che livello dovremmo rompere quella fungibilità per le risorse digitali e in quale punto? Le autorità impiegano del tempo per rilasciare alcune azioni e le controparti devono prepararsi o fare qualcosa in anticipo per assicurarsi che siano giustificate in tribunale.

Lo stato attuale del riciclaggio di denaro nelle criptovalute

La nuova era, infatti, porta più opportunità che problemi. Ma l’evoluzione delle criptovalute è responsabile dell’aumento del riciclaggio di denaro più del settore finanziario tradizionale? Non credo proprio. È importante rendersi conto che le banconote statunitensi sono ancora le più difficili da ottenere contraffazione nel mondo. E i documenti trapelati di recente dal Financial Crimes Enforcement Network degli Stati Uniti ha indicato che molte banche “abilitano” il riciclaggio di denaro con valute legali.

Relazionato: Confronto tra riciclaggio di denaro e criptovalute e fiat

Parlando di criptovaluta, è inevitabile che all’intersezione tra i mercati tradizionali e quelli emergenti, gli attori illeciti utilizzino qualsiasi opportunità derivante e fondi illegali rubati dal mondo finanziario tradizionale per riciclarli. Finora, tale attività non è abbastanza grande in termini di relatività agli strumenti digitali. Crescerà; il numero di casi aumenterà; e la comunità crittografica dovrà scegliere un approccio efficace per gestire le transazioni crittografiche originate da cattivi attori.

Tuttavia, i sistemi di riciclaggio di denaro che i truffatori utilizzano principalmente sono legati ai buoni vecchi metodi fiat classici. È interessante notare che lo stesso vale per la frode SWIFT attività. Dobbiamo davvero preoccuparci del riciclaggio di denaro criptato quando ci sono più problemi irrisolti nei canali finanziari tradizionali?

Numerose ricerche condotte in quest’area negli ultimi anni dimostrano che nonostante molte istituzioni vedano ancora le criptovalute come un territorio non regolamentato del selvaggio West e che le istituzioni bancarie tradizionali posa un rischio molto maggiore per le attività di riciclaggio di denaro. Inoltre, è troppo presto per parlare del grave pericolo derivante da tali attività in criptovaluta. Pur non negandolo, vale la pena riconoscere il ventre e l’ombra marci attività di molte istituzioni finanziarie.

Leggi o illegalità?

Qual è la possibile via d’uscita da questa situazione? L’emergere di soluzioni di autoregolamentazione potrebbe essere una possibile risposta. Ad esempio, quando gli scambi ricevono informazioni che si è verificato un determinato attacco, possono segretamente inserire nella lista nera gli indirizzi e successivamente chiedere al cliente l’origine dei fondi o costringere il proprietario del trasferimento a rivelare l’identità. Se il proprietario acquisisse i fondi in modo disonesto, lo scambio avrebbe la possibilità di utilizzare tali informazioni per la protezione degli utenti.

Il ritmo naturale del progresso risolverà i problemi con le attività illecite poiché l’autoregolamentazione dovrà prima o poi essere sviluppata, ma è già necessario porre in atto barriere rigide. L’approccio più diretto sarà quello degli enti governativi che regolano il processo di ottenimento del denaro degli investitori per mantenere le promesse di investimento. Ciò taglierà in modo significativo le opportunità di ulteriori furti come è accaduto con le offerte di monete iniziali e i progetti di schemi Ponzi che esistevano in un universo a parte.

Inoltre, è anche necessario ripulire i prestiti sotto indebitamento e regolamentare qualsiasi impresa in cui le persone possono versare denaro e perderlo – non per incompetenza o analfabetismo finanziario, ma per attività fraudolente commesse da terzi.

Lo stato può davvero aiutare creando uno strumento completo per analizzare e prevenire schemi di truffa e emanare politiche normative che complicano l’avvio e la gestione di tali progetti. Le politiche sul commercio di armi sono un ottimo esempio; regole complete e rigorose per l’acquisto e la conservazione rendono l’accesso a tali strumenti molto complicato, ma funziona e aiuta a proteggere la vita delle persone.

La fungibilità è violata nel mondo moderno, una conseguenza delle tendenze della globalizzazione, della maggiore penetrazione di Internet e dell’intersezione del denaro reale con il mondo delle criptovalute, dove i fondi degli utenti non sono protetti.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell’autore e non riflettono né rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

Gregory Klumov è un esperto di stablecoin i cui approfondimenti e opinioni appaiono regolarmente in numerose pubblicazioni internazionali. È il fondatore e CEO di Stasis, un fornitore di tecnologia che emette le stablecoin sostenute in euro più utilizzate con un elevato standard di trasparenza nel settore degli asset digitali.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here