Lanciato originariamente come un’alternativa interessante ai tradizionali conti aziendali fiat per iniziative basate su Internet, le ultime funzionalità del Circle Business Account sembrano mirare a un diverso tipo di concorrente: l’ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi).

Circle, la società di pagamenti sostenuta da Goldman Sachs ed emittente della stablecoin USDC, ha annunciato il proprio account Circle Business servizio il 10 marzo 2020. Gli account presentavano una suite di servizi progettati per aiutare le aziende a sfruttare USDC, comprese le API che potevano connettersi ai binari di pagamento tradizionali, accettare pagamenti denominati in dollari come USDC, un servizio di portafoglio USDC e accedere a più e-commerce mercati.

Tuttavia, dati i rendimenti che le stablecoin come l’USDC possono generare nei protocolli DeFi, i titolari di account sarebbero stati incentivati ​​a spostare i propri fondi di stablecoin altrove. Secondo DeFirate, i protocolli di prestito come Aave e Fulcrum attualmente fruttano rispettivamente il 3,4% e l’11,6% su USDC.

Ma il 5 novembre 2020, Circle ha annunciato nuovi conti ad alto rendimento che potrebbero incoraggiare i titolari di conti a mantenere i propri fondi parcheggiati nel CeFi. In un tweet di giovedì, Circle annunciato una lista d’attesa per nuovi conti commerciali fruttiferi. Secondo il loro sito web, i termini e le tariffe varieranno tra i conti APY dell’8,5% a termine aperto e gli account APY del 10,75% a 12 mesi.

Inoltre, i rendimenti matureranno giornalmente e saranno pagati settimanalmente, a differenza di quanto avviene su base mensile o addirittura annuale spesso vista nei conti aziendali tradizionali. Ciò avvicinerà i conti in linea con molti protocolli di prestito DeFi, che offrono interesse in tempo reale. Il risultato finale è un prodotto che sembra combinare i rendimenti interessanti e la consegna dell’interesse DeFi con le garanzie basate sul marchio della finanza centralizzata.

L’offerta di Circle è solo l’ultima di una più ampia tendenza CeFi-incontra-DeFi. In agosto, OKEx e Bitrue hanno annunciato piattaforme di prestito che unirebbe le caratteristiche DeFi e CeFi.

In un recente articolo di opinione per Cointelegraph, Raoul Milhado, CEO di Elitium, ha affermato che l’adozione delle funzionalità DeFi da parte del CeFi (e viceversa) sarebbe in definitiva un vantaggio per l’utente finale:

“Le app centralizzate e decentralizzate possono essere combinate per creare nuovi tipi di economie e incoraggiare più persone a utilizzare la DeFi […] Combinando DeFi e CeFi, possiamo rendere più agevole la transizione da un mondo centralizzato a un mondo decentralizzato e, alla fine, vincere l’antica battaglia tra DeFi e CeFi “.