Secondo quanto riferito, Goldman Sachs è una delle numerose istituzioni finanziarie a cui aderire JP MorganIl servizio blockchain personalizzato di – un segno che più broker-dealer stavano cercando di sfruttare le valute digitali per le loro operazioni di repo.

In un’intervista con Bloomberg, Scott Lucas, capo dei mercati blockchain di JPMorgan, ha affermato che la banca d’investimento sta già utilizzando blockchain per condurre contratti di riacquisto per miliardi di dollari. La banca utilizza JPM Coin, uno stablecoin sostenuto dal dollaro, per scambiare titoli del Tesoro USA digitalizzati in modo molto più efficiente.

Come osserva Bloomberg, JPMorgan ha condotto internamente i primi scambi live utilizzando il proprio Infrastruttura blockchain di Onyx.

Ciò è stato sufficiente per attirare l’attenzione del rivale di Wall Street Goldman Sachs, che secondo quanto riferito firmerà per Onyx per le operazioni di pronti contro termine all’inizio del prossimo anno.

Lucas ha affermato: “Siamo al punto in cui possiamo offrire questo prodotto ai nostri clienti”, aggiungendo che anche altre banche e broker-dealer dovrebbero aderire al servizio.

Lui continuò:

“Si tratta di aumentare gradualmente la propensione al rischio se si desidera che i partecipanti al mercato mettano soldi veri sul tavolo […] Quindi il passaggio successivo andrà oltre e il passaggio successivo andrà oltre. “

Christine Moy, che gestisce Onyx, ha affermato che la blockchain consente di misurare il mercato dei pronti contro termine in “minuti e ore” invece che “durante la notte o in pochi giorni”.

Goldman gestisce anche un’unità di risorse digitali guidata da Matthew McDermott. Ha descritto il servizio di pronti contro termine di JPMorgan come una prova che “la blockchain aziendale può risolvere un problema del mondo reale nel sistema finanziario …”

I contratti pronti contro termine sono accordi di prestito a breve termine per gli operatori di titoli di stato. Nel caso dei pronti contro termine overnight – un mercato che vale trilioni – gli operatori vendono titoli di stato agli investitori e li riacquistano il giorno successivo a un prezzo leggermente superiore. Quel prezzo più alto riflette il tasso di interesse.

Il mercato repo è spesso considerato l’impianto idraulico del sistema finanziario perché facilita il flusso di denaro e titoli tra le banche. Consente alle istituzioni finanziarie con grandi posizioni in titoli di prendere in prestito a buon mercato da parti ricche di liquidità in cambio di un piccolo rendimento. Poiché i titoli, come i buoni del Tesoro USA, vengono registrati come garanzia, le transazioni sono considerate a basso rischio.

Il mercato dei pronti contro termine è andato in tilt a settembre 2019 dopo che i tassi overnight sono saliti alle stelle fino a quattro volte il tasso di riferimento della Federal Reserve, provocando un intervento di “emergenza” da parte della banca centrale per evitare una stretta di cassa. Le operazioni pronti contro termine sono continuate per tutto il 2020, sollevando preoccupazioni in merito carenza di liquidità e contagio sui mercati finanziari.