A marzo, il mondo delle criptovalute ha visto la prima istanza di ciò che molti hanno visto come un file tentativo ostile di acquisizione di un’altra blockchain. Justin Sun, il fondatore di Tron, aveva acquisito Steemit, Inc. e la blockchain di Steem con essa, o almeno così pensava.

Una complessa battaglia di hard fork, rilevamento della produzione in blocco, presunte tangenti e indirizzi errati alla fine ha portato alla maggior parte dei Comunità Steem che migra ad Hive, una versione completamente di base della piattaforma precedente.

Nel frattempo, i dipendenti e gli sviluppatori originali di Steemit, Inc. hanno lasciato l’azienda quasi immediatamente dopo l’acquisto. Il loro ruolo nella battaglia che ne seguì fu limitato, ma non caddero esattamente dalla faccia della Terra.

Andrew Levine – che si è descritto come il dirigente Steemit “designato non ingegnere” – ha co-fondato OpenOrchard con sei dei suoi ex compagni di squadra. Il nuovo-vecchio team ha deciso di progettare una blockchain da zero, una specie di Steem 2.0 che avrebbe risolto tutte le sue carenze tecniche.

Questi problemi erano, soprattutto, ciò che ha causato il raccapricciante destino di Steem, ha detto Levine a Cointelegraph.

L’algoritmo di consenso utilizzato da Steem, chiamato Delegated Proof-of-Stake, ha affidato la produzione di blocchi a una serie di soli 20 validatori o “testimoni” selezionati dal voto delle parti interessate. Un numero così piccolo ha portato la politica a dominare l’ambiente in molti casi. I validatori possono quindi diventare una famiglia più o meno felice – che sembra essere quello che è successo con EOS – oppure possono diventare acerrimi rivali, che è quello che è successo con Steem.

Levine ha raccontato una delle prime discussioni sul design con Steve Gerbino, uno dei co-fondatori di Koinos: “Steve era tipo, ‘perché cazzo? Perché cazzo la produzione di blocchi è collegata alla politica? I blocchi dovrebbero essere semplicemente prodotti. “”

Ma questo, a loro avviso, non era l’unico problema. Uno dei motivi per cui Steemit è stata venduta in primo luogo era che la società lo era emorragia di denaro derivante dalla manutenzione delle infrastrutture, Ha detto Levine a Cointelegraph in precedenza.

“Il problema con EOS ed Ethereum e altri blockchain generici è che il costo di gestione della rete è sempre a qualunque sia l’ultimo utilizzo massimo che hai avuto. I dati non vengono mai eliminati. “

Altri blockchain hanno recentemente iniziato a riconoscerlo ea cercare modi per in qualche modo comprimere o ignorare lo stato, un termine generico per tutti i conti, saldi e transazioni in una blockchain. Il proposta di clienti apolidi in Ethereum è uno dei tanti esempi.

Ma qui le blockchain esistenti incontrano problemi di aggiornabilità, Afferma Levine. Gli hard fork – la migrazione completa e il riavvio di una blockchain – sono necessari per modificare anche i parametri più elementari. Ad esempio, Ethereum ha bisogno di un hard fork ogni volta che gli sviluppatori vogliono modificare il prezzo del gas di una particolare operazione.

Gli hard fork sono intrinsecamente destabilizzanti e spesso diventano politici, come si è visto con proposte come ProgPow o il dibattito sulla dimensione del blocco in Bitcoin. Ma oltre a ciò, Levine ritiene che la difficoltà nell’aggiornamento profondo delle blockchain sia ciò che trattiene molti protocolli:

“Quello che abbiamo capito è che i limiti di scalabilità che stavano emergendo ai livelli più alti erano il risultato di errori di architettura di livello inferiore”.

Mentre Koinos inizialmente ha iniziato come alternativa a Steem che avrebbe attinto da basi di codice esistenti come EOS, il team si è reso conto nel tempo di avere l’opportunità di riprogettare la “terza generazione di blockchain”.

Sfidare lo status quo dello sviluppo blockchain

Una delle innovazioni alla base di Koinos è il concetto di aggiornabilità modulare.

Quasi tutti i parametri chiave della blockchain, incluso l’algoritmo di consenso, la gestione delle risorse e i meccanismi di governance saranno implementati tramite contratti intelligenti in esecuzione su WebAssembly.

Alcune funzionalità individuali possono essere introdotte in modo nativo, ma solo dopo essere state testate in battaglia e solo se ha senso dal punto di vista delle prestazioni.

Ciò conferisce a Koinos un’estrema flessibilità nella progettazione del suo protocollo e, in particolare, evita la necessità di eseguire un hard fork dell’intera blockchain per ogni modifica. Un’idea del genere non è del tutto unica – il team è stato ispirato dal concetto di contratti intelligenti di sistema su EOS – ma Koinos la porta all’estremo.

L’algoritmo di consenso spesso definisce una blockchain, ma Levine ritiene che questo non dovrebbe essere il suo punto di forza unico. “Gli algoritmi di consenso sono la parte più facile”, ha detto, riferendosi al loro sviluppo tecnico. Levine si è concentrato molto di più su una funzionalità di scalabilità che, secondo lui, distingue Koinos dagli altri: lo stato di paging.

Il paging di stato “cancella” la blockchain da smart contract e informazioni inutilizzati. Questo è simile al concetto di “potatura” spesso proposto per blockchain più semplici basati su output di transazioni non spesi, come Bitcoin. L’idea alla base dello sfoltimento è che non è realmente necessario ricordare il fatto che, ad esempio, un particolare portafoglio ha ricevuto 1 BTC nel 2014 e lo ha inviato da qualche altra parte nel 2015. Nelle attuali architetture, questi dati devono essere inclusi in ogni momento.

Su blockchain di contratti intelligenti è improbabile che esistano situazioni chiare come questa, quindi diventa difficile scegliere cosa scartare. Il paging di stato risolve questo problema rendendo ogni singolo utente responsabile dell’archiviazione dei propri dati, anche se viene eseguita su cloud centralizzati come Amazon S3. I dati archiviati fuori catena possono sempre essere completamente convalidati e reinseriti nella blockchain in qualsiasi momento, proprio come se non se ne fossero mai andati.

Levine ha affermato che questo rappresenta più di un cambiamento filosofico di mentalità – che la proposta di valore della tecnologia blockchain è la sua “capacità di memorizzare la proprietà digitale come distinta dai dati stessi”.

Ma la squadra è ancora cauta. Sebbene affermino che gli algoritmi per il paging di stato hanno dimostrato di funzionare, rimane un po ‘poco chiaro se i compromessi tra archiviazione e utilizzo della larghezza di banda lo renderanno davvero utile.

Mentre lo sviluppo continua, Koinos sta lanciando uno schema di distribuzione di token basato sul mining di proof-of-work, che negli ultimi anni è caduto in gran parte in disgrazia.

La questione dell’equa distribuzione

In quanto personaggi principali di quello che è stato, probabilmente, uno spettacolare fallimento della prova di partecipazione delegata, i fondatori di Koinos sono comprensibilmente preoccupati per il concetto. “Penso che il modo migliore per criticare la proof of stake delegata sia porre la domanda: perché sono venti [validators]? ” Levine ha detto.

Mentre sistemi come Ethereum 2.0 stanno facendo del loro meglio per integrare migliaia di validatori, Levine è fermamente dell’opinione che la prova di palo fa sì che “i ricchi diventino più ricchi”.

Parte di ciò è la semina iniziale di gettoni, ha aggiunto. Alcuni dei primi progetti di staking utilizzavano il proof-of-work per alimentare la distribuzione iniziale, ma nel tempo l’offerta iniziale di monete divenne il metodo prevalente. La disuguaglianza, secondo Levine, inizia con l’ICO:

“Hai questi ricchi capitalisti, che non ho niente … Voglio dire, ho alcune cose contro i capitalisti. Ma ci sono queste persone ricche che accumulano una grande partecipazione e hanno impostato la strada “.

Levine non voleva entrare nei dettagli su quale sarà l’algoritmo di consenso per Koinos. La decisione non è ancora scolpita nella pietra, anche se ha alluso che non sarà “né prova di lavoro né prova di posta”.

Ma per ora, Koinos è pronto per il lancio con uno schema di distribuzione di token basato su PoW puro. Invece di eseguire un ICO, le persone saranno in grado di raccogliere token estraendo con i loro computer di casa.

Il minatore rilasciato da Koinos è specificamente mirato alle unità di elaborazione centrale, che sono in gran parte ignorate dalle operazioni minerarie su larga scala che potrebbero ottenere un vantaggio ingiusto rispetto alle persone medie, tuttavia I minatori Monero sono un’eccezione notevole.

Il meccanismo farà leva su Ethereum e su una consuetudine market maker automatizzato per “scambiare” hash con token. Gli utenti estrarranno un parametro di difficoltà impostato su misura e invieranno periodicamente il loro lavoro a un contratto intelligente, che li ricompenserà con KOIN. L’abbassamento della difficoltà si traduce in un “tasso di successo” più coerente degli hash giusti, ma richiede più invii individuali e quindi più commissioni sul gas Ethereum. Al contrario, una difficoltà maggiore farà risparmiare sulle commissioni ma aggiungerà più casualità alla frequenza con cui viene trovato l’hash corretto.

L’estrazione inizierà il 13 ottobre alle 17:00 UTC (1 PM Eastern Time) e durerà per sei mesi, dopodiché la mainnet di Koinos verrà lanciata. Il finanziamento per il team sarà facoltativo, con una donazione mineraria predefinita del 5% che può essere disabilitata. Il team ha rilasciato sia un’interfaccia grafica minatore e uno strumento da riga di comando per consentire a tutti di partecipare.

L’interesse della comunità organica è spesso la chiave per una blockchain di successo. Nonostante le idee innovative del livello base, eseguirle e fornire un ambiente prezioso per l’utilizzo e lo sviluppo delle applicazioni è ciò che conta davvero per il successo a lungo termine. Da quel punto di vista, la strada davanti a Koinos è ancora lunga e pericolosa.

Per coloro che sono interessati al mining con la CPU del proprio computer di casa, OpenOrchard ha fornito un file breve video sul download e l’esecuzione del minatore Koinos. Si noti che Cointelegraph non ha verificato questo software e lo si installa a proprio rischio.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here