Lo Scottish Universities Environment Research Centre, o SUERC, dell’Università di Glasgow, sta unendo le forze con la società della catena di fornitura Everledger per contrastare la contraffazione all’interno dell’industria del whisky, secondo una dichiarazione del 18 dicembre. inviare.

Il mercato dei whisky scozzesi single malt da collezione ha raggiunto oltre 57 milioni di sterline (77 milioni di dollari) nel 2018. Tuttavia, i ricercatori della SUERC stimano che fino al 40% delle bottiglie attualmente in circolazione potrebbe essere falso.

Utilizzando la datazione al radiocarbonio e l’accesso senza precedenti a campioni di whisky rari, SUERC ha sviluppato un metodo per determinare l’età di tutti i tipi di whisky vintage, accurato entro un paio d’anni.

Attraverso questo metodo SUERC è stato in grado di dimostrare che 21 delle 55 bottiglie di scotch raro che aveva testato erano false o non distillate nell’anno indicato.

I principali marchi di whisky scozzese, case d’asta, collezionisti e rivenditori che utilizzano il servizio di autenticazione SUERC hanno richiesto l’aggiunta di un sistema di protezione contro le manomissioni alle bottiglie già datate.

La nuova partnership vedrà SUERC montare le chiusure antimanomissione di Everledger sulle bottiglie che hanno autenticato. Questi contengono la comunicazione near-field, o tag NFC, che si collegano a un certificato digitale dell’età e della provenienza della bottiglia, conservato sulla blockchain.

Everledger ha unito le forze con una serie di marchi per contrastare la contraffazione quest’anno, inclusa una partnership con JD.com per autenticare i diamanti in Cina, e casa di moda Alexander McQueen.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here