Il Chief Technology Officer di Ripple, David Schwartz, ha rivelato che lui e sua moglie hanno deciso di fare un “piano derisking” per i loro investimenti in criptovalute nel 2012, con un conseguente mancato profitto a otto cifre ai prezzi correnti.

In una serie di tweet pubblicati l’11 ottobre, Schwartz ha rivelato di aver venduto 40.000 Ether (ETH) per $ 1 ciascuno allora, una scorta che varrebbe più di $ 15,5 milioni ai prezzi odierni.

The Ripple (XRP) ha anche affermato di essersi pentito di aver venduto una somma significativa di Bitcoin (BTC) per $ 750 e un grande tesoro di XRP a $ 0,10, ma non ha rivelato il volume delle vendite.

Schwartz ha rivelato il suo iniziale ridimensionamento conservatore rispondendo all’utente di Twitter ‘PbuzzXr‘che ha affermato che “chiunque spinga XRP mentre derisking è una truffa d’uscita” in un thread ad ampio raggio.

L’utente, che non parlava specificamente di Schwartz, aggiunto: “Non puoi andare in giro a cercare di costruire la fiducia negli altri per XRP mentre tu stesso non hai fede in esso e ritieni che deriderlo sia la tua migliore opzione.”

OndulazioneIl CTO ha sottolineato che la sua decisione di derisk nel 2012 è stata informata dal fatto che è “una persona avversa al rischio con persone che dipendono da me finanziariamente ed emotivamente”.

“Il destino mi ha fatto mettere molte uova nello stesso paniere […] Il rischio è molto alto nell’intero spazio delle criptovalute. Sono troppo razionale per fingere il contrario e suggerire ad altri di fare lo stesso. “

La scorsa settimana, il co-fondatore e presidente esecutivo di Ripple, Chris Larsen, ha criticato gli Stati Uniti per non essere riusciti a tenere il passo con Cina, Singapore e Regno Unito nel promuovere l’innovazione crittografica, suggerendo che la società potrebbe presto trasferirsi dagli Stati Uniti





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here