Un recente rapporto della società di crittografia istituzionale Fidelity Digital Assets ha concluso che Bitcoin (BTC) mostra una correlazione dei prezzi molto ridotta con le attività finanziarie tradizionali, sulla base dei dati degli ultimi cinque anni. Nel corso del 2020, Bitcoin ha ottenuto un’ulteriore adozione nella finanza tradizionale, che logicamente potrebbe avere un impatto sulla correlazione dell’asset o sulla sua mancanza. La correlazione di Bitcoin è cambiata nel 2020?

Ria Bhutoria, direttore della ricerca presso Fidelity Digital Assets, ha dichiarato a Cointelegraph via e-mail: “Bitcoin ha sperimentato correlazioni positive più elevate con altre risorse in periodi di tempo più brevi, specialmente durante periodi di incertezza e turbolenza, e anche prima del 2020”.

Tra le crescenti preoccupazioni per COVID-19 e le misure di prevenzione a partire da marzo 2020, Il prezzo del bitcoin è precipitato, apparentemente al passo con il mercato azionario statunitense. “L’aumento della correlazione tra Bitcoin e altri asset è stato una conseguenza di una crisi di liquidità a breve termine che ha avuto un impatto su molte asset class”, ha spiegato Bhutoria del calo di marzo. In sostanza, un gran numero di persone si è affrettato a vendere le proprie attività finanziarie in cambio di contanti quando i tempi sono diventati incerti intorno alle notizie sulla pandemia COVID-19. Lei ha aggiunto:

“Di conseguenza è aumentata la correlazione di tutti questi asset l’uno con l’altro. Per quanto riguarda Bitcoin, un’altra potenziale ragione potrebbe essere una maggiore sovrapposizione nell’infrastruttura di mercato e tra i partecipanti al mercato nei mercati degli asset tradizionali e digitali “.

Fidelity rilasciato un approfondito rapporto di ottobre etichettato “Tesi di investimento Bitcoin: il ruolo di Bitcoin come investimento alternativo. “ Scritto da Bhutoria, il rapporto ha toccato una serie di argomenti. Un particolare segmento del rapporto ha sottolineato la mancanza di correlazione di Bitcoin con altre attività finanziarie, comprese le azioni statunitensi e l’oro. La correlazione è un argomento molto dibattuto nel settore delle criptovalute.

Utilizzando i dati da gennaio 2015 a settembre 2020, Fidelity’s rapporto ha concluso che Bitcoin si è comportato in modo diverso rispetto agli asset tradizionali, segnalando una correlazione praticamente nulla con altri mercati per quel periodo di tempo. BTC ha ottenuto uno 0,11 in un intervallo tra -1 e 1. Brandire un rating 1 significa che i prezzi degli asset viaggiano esattamente al passo l’uno con l’altro, mentre un punteggio di -1 significa esattamente l’azione dei prezzi opposta. Qualsiasi asset con un punteggio di 0 percorre il proprio percorso di prezzo, inalterato quando gli altri si muovono.

Oltre al calo di marzo, molte altre istanze hanno mostrato un’apparente correlazione tra Bitcoin e mercati tradizionali, almeno in certi punti. L’elemento dell’adozione potrebbe giocare nell’equazione, rendendo Bitcoin più correlato rispetto agli anni precedenti – un aspetto sottolineato nel rapporto di Fidelity. “Bitcoin è un asset giovane che, fino a poco tempo fa, non era legato ai mercati tradizionali”, si legge nel rapporto, aggiungendo: “Poiché è integrato nei portafogli istituzionali, potrebbe diventare sempre più correlato con altri asset”.

Relazionato: Il prossimo grande tesoro: le aziende acquistano Bitcoin come riserva di tesoreria

Bitcoin ha visto una significativa adozione mainstream nel 2020. Un segno è che numerosi attori finanziari tradizionali, come MicroStrategy, hanno posizioni Bitcoin accumulate considerevoli. PayPal ha anche recentemente annunciato piani per aggiungendo Bitcoin alla sua piattaforma nel 2020, spingendo ulteriormente l’asset sotto i riflettori principali.

“Le correlazioni a lungo termine di Bitcoin con altri asset potrebbero continuare a essere basse, dati i diversi fattori di rischio e rendimento di Bitcoin rispetto ad altre classi di asset e i suoi casi d’uso dinamici e narrative”, ha detto Bhutoria, aggiungendo ulteriormente:

“Se gli investitori con orizzonti temporali e convinzioni più lunghi si affidano a Bitcoin, anche l’entità dei picchi nelle correlazioni a breve termine con altri asset in tempi di incertezza potrebbe attenuarsi. Queste sono congetture che continueremo ad aggiornare man mano che avremo più dati e una migliore comprensione del comportamento di Bitcoin in una crisi prolungata “.

Nel corso degli anni, anche altri operatori del settore hanno valutato il prezzo di Bitcoin in linea con altri mercati. Il co-fondatore di Morgan Creek Digital Anthony Pompliano è un sostenitore di lunga data Bitcoin come risorsa non correlata.

“Tutte le attività tendono verso una correlazione di 1 in una crisi di liquidità”, ha detto Pompliano a Cointelegraph in un’e-mail, che si allinea anche con la spiegazione di Bhutoria. Ha inoltre aggiunto:

“Abbiamo assistito a una crisi di liquidità all’inizio di quest’anno, quindi è naturale aspettarsi che le correlazioni aumentino durante questi periodi. Stiamo assistendo a un disaccoppiamento nelle ultime settimane e la mia ipotesi è che vedremo un ritorno a una correlazione bassa / assente nei prossimi mesi “.

Precedente a Il lancio di Bitcoin nel 2009, il crisi finanziaria del 2007-2008 ha prodotto problemi di liquidità simili. Poiché il pubblico spesso confronta Bitcoin con l’oro, guardare l’oro durante questa crisi aggiunge prospettiva. “Abbiamo visto l’oro scendere del 30% durante la crisi di liquidità durante l’estate del 2008, insieme a tutte le attività che tendevano a una correlazione di 1 nello stesso periodo”, ha scritto Pompliano, aggiungendo: “Alla fine le attività si sono disaccoppiate in seguito e così la storia può insegnare anche qui una grande lezione. ”