Ethereum (ETH) le commissioni di transazione hanno superato quelle sul Bitcoin (BTC) rete per due mesi consecutivi.

L’aggregatore di dati del mercato crittografico Messari ha twittato la serie l’8 ottobre, sottolineando che è il periodo più lungo in cui le entrate delle commissioni di transazione di Ethereum hanno superato quelle di Bitcoin nella storia dell’asset crittografico.

Le commissioni di Ethereum sono salite alle stelle raggiungendo nuovi massimi storici nel mese di agosto quando la finanza decentralizzata (DeFi) iniziò a trasformarsi in una bolla marcia alta. I contratti intelligenti alla base dei protocolli DeFi in genere richiedono l’esecuzione di più transazioni Ethereum, esacerbando la congestione della rete.

Le commissioni medie di Ethereum attualmente si attestano a circa $ 2, in calo dal record di settembre sopra i $ 14.

L’aumento dei costi di transazione ha riacceso un vivace dibattito all’interno della comunità di Ethereum su come la rete dovrebbe adattarsi nel frattempo prima del completamento del roll-out di ETH 2.0, che è attualmente previsto nel 2022.

L’8 ottobre, lo sviluppatore di ConsenSys Tim Beiko pubblicato i risultati di un sondaggio che misura il sentiment di 25 team che si basano su Ethereum riguardo a quella che è nota come Ethereum Improvement Proposal (EIP) -1559.

EIP-1559 propone di riformare il mercato delle commissioni di Ethereum per adottare una commissione di rete a tasso fisso per ogni blocco, inclusa una piccola mancia per i minatori. Una parte delle commissioni verrebbe bruciata in base ai livelli di congestione al momento della creazione del blocco.

Degli intervistati, il 60% ha risposto a favore di EIP-1559, con circa il 13% che esprime un sentimento negativo e il 27% che offre un’opinione neutra. I team includevano scambi, portafogli, applicazioni on-chain e minatori. Gli sviluppatori hanno risposto favorevolmente alla prevedibilità del prezzo del gas e al meccanismo di combustione dell’EIP-1559. Beiko ha riferito:

“I principali vantaggi che i progetti vedono con EIP-1559 sono la prevedibilità dei prezzi del gas, in particolare per i progetti che li impostano per i propri utenti, e il fatto che l’ETH venga bruciato in ogni transazione”.

Tuttavia, i dubbi espressi di frequente riguardo all’EIP-1559 includevano il possibile impatto sulle entrate dei minatori, le preoccupazioni relative alla sua attuazione e la mancanza di specifiche formali che circondano la proposta.

Non sorprende che otto delle nove società minerarie interrogate abbiano affermato che avrebbero rifiutato l’EIP-1559 se fosse stato introdotto come hard fork.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here