Gli Stati Uniti si stanno cingendo i fianchi per un’elezione che ha gettato una coltre su un arco di tempo molto più lungo di quanto avremmo mai dovuto concedere. Ma, d’altra parte, cosa ti aspettavi quando così tante persone hanno trascorso così tanto dell’anno passato tagliate fuori dalle loro vite e dai circoli normali, diventando sempre più dipendenti dai social media come mezzo per connettersi con il mondo esterno? Non una ricetta per la sanità mentale, anche se era una gara tra persone sane.

I fenomeni del moderno flusso di informazioni hanno ricevuto un’enorme attenzione dall’ultimo ciclo elettorale altrettanto terribile, costringendo in molti modi le persone normali a pensare in modo spiacevolmente paranoico a cui sono ben abituati i professionisti della sicurezza informatica ei programmatori blockchain in particolare. Cos’è la paura della frode degli elettori se non un problema di doppia spesa? E come puoi essere sicuro che ogni macchina per il voto in America funzioni? E come faccio conoscere Sapete che questa notizia non è un fatto di fantasia o addirittura una fabbricazione dannosa?

Con la paranoia collettiva e il sospetto americani che si agitano in modo agitato verso l’alto come la prima tappa di un ottovolante scricchiolante, è importante tenere a mente alcune verità stabilizzanti. Internet è relativamente nuovo, ma la disinformazione è sempre stata con noi (cos’è Gilgamesh se non propaganda per un re Uruk?). Le elezioni presidenziali statunitensi sono sempre state tese, probabilmente raggiungendo il picco circa 160 anni fa. E, come dire, nonostante i difetti, il paese ha in realtà un sistema incredibilmente resistente.

La Legge Decodificata di oggi è meno focalizzata sulla crittografia di quanto io cerco tradizionalmente di mantenerla, ma è importante mantenere quello che i devoti chiamano “lo spazio” senza scrupoli. Mentre solo la prima delle storie in esame è esplicitamente legata alle elezioni, il filo conduttore che cercherò goffamente di svelare prima di voi è la questione di chi ha il potere e chi può spodestare quel potere giustamente. Perché in fondo, questo è ciò che promette un sistema elettorale funzionale: che la risposta a “chi osserverà gli osservatori” siamo noi.