Negli ultimi mesi, i miner di tutto il mondo sono stati estremamente attivi, il che può essere visto attraverso picchi nei tassi di hash che hanno coinciso con un aumento significativo dei prezzi delle criptovalute. All’inizio del 2020, Ether (ETH) potrebbe essere acquistato per $ 130 e ora, ETH ha raggiunto $ 500. Il re delle criptovalute, Bitcoin (BTC), ha aggiunto quasi 10.000 $ al suo prezzo.

Quindi, come possono gli utenti interagire con il settore? Ciò che è ovvio da tempo è che il mining in solitaria non è la strada da percorrere. Per Bitcoin, Ether e tutti i principali altcoin, la blockchain è costruita in modo tale che la complessità della ricerca di blocchi è in costante aumento, il che significa che una coppia di schede GPU non è abbastanza potente da generare un blocco.

Il punto non è che il rig non sia sufficientemente potente per estrarre Ether, piuttosto è matematicamente impossibile. Un rig può stare lì a cercare un blocco per diversi mesi. Se parliamo di mining di Bitcoin su ASIC, ci vorrà ancora più tempo. È più facile andare in bancarotta su apparecchiature ed elettricità che estrarre criptovalute da solo. Il calcolo è semplice: dividi il tasso di hash totale di Ether per il tuo tasso di hash e ottieni il numero di secondi necessari in media per trovare un blocco.

Quindi, sembra logico che i minatori si riverserebbero nei pool minerari, soprattutto oggi, poiché anche le società non minerarie stanno iniziando a lanciare tali prodotti. Ad esempio, Binance di recente ha lanciato il proprio pool minerario per Ether.

Cosa sapere prima di entrare in un pool minerario

Un mining pool è un server che combina la potenza di calcolo di tutti i partecipanti ad esso collegati. I minatori si uniscono al pool su Internet, riallocando il proprio hardware nel pool. Eseguono insieme soluzioni matematiche per trovare blocchi di una specifica criptovaluta. Quando il pool trova un blocco, ottiene un consenso da altri partecipanti alla rete, quindi riceve una ricompensa. Questa ricompensa viene condivisa tra tutti i membri del pool in base alla quantità di hash rate fornita.

Prima di scegliere una piscina, è importante conoscere le dimensioni della piscina. Quando una piscina cresce, le possibilità di scoprire un blocco aumentano. Ma più persone si uniscono al pool, meno profitto riceve ciascun partecipante. Questa è un’arma a doppio taglio: pagamenti piccoli ma frequenti o pagamenti maggiori, ma meno frequenti.

Prima di entrare a far parte del pool, gli utenti devono scoprire il pagamento minimo, che è la quantità minima di criptovaluta che deve essere estratta prima di essere inviata al portafoglio degli utenti. Se il pagamento minimo è alto, l’utente dovrà far parte del pool per molto tempo prima di ricevere qualsiasi reddito.

Un’altra cosa importante che dovrebbe essere menzionata è che la partecipazione a qualsiasi pool non è gratuita. Gli utenti pagano una certa percentuale del proprio reddito per la partecipazione. Di solito, tale commissione varia dall’1% al 3%. In generale, la partecipazione a qualsiasi pool non richiede investimenti e conoscenze seri e se l’utente ha già messo insieme un rig, non sarà difficile capire quale pool scegliere. Ecco a cosa prestare attenzione quando si sceglie un pool, indipendentemente dalla criptovaluta estratta:

  • Il numero di partecipanti al pool, che influisce sul reddito individuale.
  • Tempo di ping, o ritardo, che è il risultato della necessità del computer dell’utente di trasferire le informazioni al pool. Il tempo di ping dipende dalla distanza territoriale: minore è il ping, minore è il ritardo e più veloce è il trasferimento dei dati. Un ping alto non è appropriato perché ci sono pause tra i cambiamenti di blocco nelle reti di criptovaluta e con un ping alto, il computer dell’utente può superare i valori per il vecchio blocco e il mio invano. Di solito, un ping confortevole dura fino a 10 millisecondi;
  • La dimensione del pagamento minimo, che non dovrebbe essere troppo grande, altrimenti il ​​pagamento potrebbe non avvenire per un tempo molto lungo.
  • Ci sono molti pool che sono fraudolenti o prendono una quantità maggiore di reddito. Gli utenti devono scoprire in anticipo la reputazione del pool.

Dopo aver costruito un rig, è il momento di scegliere una mining pool. Ovviamente, la maggior parte dei pool funziona per il mining di Bitcoin o Ether. Di seguito sono riportati alcuni dei pool più popolari utilizzati per estrarre le prime due criptovalute. Per Bitcoin, quasi tutti i pool principali hanno sede in Cina, il che non sorprende, poiché il paese produce la maggior parte dell’hardware di mining Bitcoin.

F2Pool

Fondato nel 2013, F2Pool è uno dei più antichi pool cinesi ed è di primario interesse per i miner di Bitcoin. Il pool rappresenta quasi un quinto della quantità totale di BTC estratti. Il pool utilizza Pay Per Share +, o PPS +, come modello di pagamento in cui il miner riceve una ricompensa per ogni quota accettata dal pool, indipendentemente dai blocchi trovati dal pool. Il pool determina il costo di ciascuna condivisione in modo indipendente, tenendo conto della complessità della rete, della ricompensa, del tempo di blocco e della potenza del pool.

Oltre a Bitcoin, il pool estrae più di 40 monete. La commissione, a seconda della moneta, varia dall’1% al 5%. Per quanto riguarda Bitcoin, il pool prende 2,5% dei premi come commissione e i pagamenti vengono effettuati una volta al giorno. Gli utenti devono ritirare il denaro guadagnato entro 90 giorni, altrimenti il ​​pool lo manterrà per lo sviluppo del servizio.

Poolin

Poolin è un pool di proprietà della società madre Blockin lanciato nel 2017. Il pool è popolare tra i miner di Bitcoin. Poolin offre alcune monete tra cui scegliere: Ether, Bitcoin Cash (BCH), Bitcoin SV (BSV), Litecoin (LTC) e così via. Le commissioni di commissione non sono fisse; piuttosto, sono impostati separatamente per ciascuna criptovaluta, con una commissione del 2,5% per BTC.

Il modello di pagamento dipende dalla moneta scelta: PPS o Full Pay Per Share, noto come FPPS. Con quest’ultimo metodo, il pool distribuisce anche le commissioni di transazione tra i minatori, il che aggiunge il 10% al 20% al loro reddito. Questo metodo viene utilizzato per pagare il mining di Bitcoin.

Una caratteristica degna di nota è che Poolin fornisce il mining su ASIC e GPU di Nvidia e AMD. Il team di sviluppo aggiorna regolarmente il software ogni due settimane per garantire la stabilità del servizio.

BTC.com

BTC.com è uno dei più grandi pool internazionali di mining di criptovalute. È controllato dal noto produttore di attrezzature minerarie Bitmain, che produce una linea di minatori ASIC con il marchio Antminer. La piattaforma con sede in Cina è stata lanciata nel 2013.

La commissione per ogni blocco estratto dal pool è fissata al 4%. Oltre a Bitcoin, è possibile estrarre una serie di altre criptovalute tramite BTC.com, inclusi Bitcoin Cash e Litecoin. I rappresentanti delle piscine minerarie tengono traccia delle entrate dei propri utenti.

AntPool

AntPool è un progetto cinese che è stato lanciato nel 2014. Proprio come BTC.com, il pool è controllato da Bitmain. Oltre a BTC, AntPool può estrarre altre sette criptovalute, comprese le monete orientate alla privacy Dash e Monero (XMR).

I pagamenti vengono effettuati quotidianamente e il servizio ha commissioni basse, con alcuni pagamenti effettuati senza commissioni. In AntPool, i pagamenti vengono effettuati principalmente utilizzando il metodo standard, Pay Per Last N Share – o PPLNS – in cui gli utenti ricevono i pagamenti per l’ultima condivisione in base alla fortuna del pool.

Con questo metodo, non è previsto un pagamento fisso per la quota e il problema principale è la velocità di trovare un blocco. Quando un pool utilizza il metodo PPLNS, il pagamento proviene da “turni di tempo” tra la ricerca di due blocchi. Significa che se il blocco non viene trovato per molto tempo, il pagamento aumenta gradualmente.

Una caratteristica distintiva della piscina è la capacità di lavorare in modalità “solo”, ma non in senso letterale. La piscina consente di svolgere attività minerarie “in solitaria” attraverso sforzi congiunti. Ciò significa che l’utente il cui rig ha scoperto il blocco riceverà il pagamento.

SparkPool

SparkPool è registrato in Cina ed è stato lanciato nel gennaio 2018 e sei mesi dopo, il pool è entrato nella lista dei leader nel mining di Ether. Inoltre, SparkPool consente l’estrazione di monete come la Common Knowledge Base (CKB) di Nervos, Grin e Beam.

L’estrazione avviene utilizzando l’algoritmo Ethash ei pagamenti avvengono utilizzando il metodo PPS +. I pagamenti vengono effettuati ogni giorno, in base all’ora standard di Singapore e l’importo minimo per i pagamenti è 0,1 ETH. Il 28 di ogni mese, i fondi vengono prelevati automaticamente se il saldo è superiore a 0,0105 ETH e la commissione di prelievo è dell’1%.

La registrazione alla piscina è facoltativa. Gli utenti possono estrarre in modo anonimo, ma in tal caso non tutte le funzioni del pool saranno disponibili.

Ethermine

Ethermine è uno dei pool più popolari dedicati all’estrazione di Ether. Questa piscina è la più grande per Ethereum. I server del pool si trovano in Europa, Asia e Stati Uniti.

Il pool utilizza il modello di pagamento PPLNS. L’importo minimo del pagamento è l’equivalente di 0,5 ETH e l’importo massimo è 10 ETH. Non ci sono commissioni per il prelievo di fondi e il pagamento avviene immediatamente se la rete blockchain è stabile. Il pool è inteso solo per l’estrazione di criptovaluta su processori GPU.

SpiderPool

SpiderPool è un progetto cinese di cinque anni che supporta solo quattro monete: ETH, BTC, BSV e BCH. Tuttavia, il pool è abbastanza popolare tra i miner di Ether.

Non ci sono molte informazioni disponibili per gli utenti non cinesi, ma la commissione del pool è del 2%. L’importo minimo del pagamento dipende dalla moneta, ma una volta alla settimana, gli utenti possono richiedere un importo inferiore alla soglia minima. In caso contrario, i pagamenti vengono effettuati automaticamente una volta al giorno.

Nanopool

Nanopool è specializzato in monete che vengono estratte principalmente utilizzando schede GPU. Attualmente, Ether, Ethereum Classic (ECCETERA), Zcash (ZEC), Il mining di Monero, Ravencoin (RVN) e Pascal (PASC) è supportato. Il pool consente agli utenti di minare non solo una singola criptovaluta ma anche due diverse criptovalute contemporaneamente, con una distribuzione proporzionale del potere tra di loro. Come ogni altro pool minerario, Nanopool ha una commissione che viene addebitata in base al reddito dei suoi utenti. Il pool utilizza il metodo di pagamento PPLNS.

Il prelievo di Ether dal saldo del conto di un minatore al suo portafoglio viene eseguito automaticamente in Nanopool quando viene raggiunto il pagamento minimo, che è 0,05 ETH.

Nanopool non ha un programma di pagamento chiaro, ma i pagamenti avvengono in più fasi durante la giornata. Non appena il saldo del conto del minatore supera il valore minimo impostato, verrà pagato durante il prossimo round di pagamento.

Mio o non mio?

Quando si sceglie una piscina, ogni persona dovrebbe prestare attenzione all’elenco delle monete disponibili per assicurarsi che la moneta scelta sia nell’elenco. Inoltre, considera il modello di pagamento e commissione, poiché è preferibile un pool che offre la commissione più bassa e paga per le transazioni. Un altro problema è la vicinanza dei server del pool: più il server è vicino, più stabile sarà il processo di mining.

Relazionato: Le migliori schede grafiche di cripto-mining per ottenere un grande successo

In generale, si può affermare che, indipendentemente dalla moneta scelta dall’utente, è improbabile che perda quando si utilizza un pool di mining. Secondo Chun Wang, co-fondatore di F2Pool, l’intera industria mineraria è attualmente in aumento:

“Il mining di bitcoin e altre criptovalute continua a crescere, proprio come lo scorso anno. Grazie a DeFi, negli ultimi mesi c’è stato un periodo di elevate commissioni di transazione nella rete ETH, che hanno portato a ricavi minerari ETH molto più alti del solito. Le persone erano attratte dall’acquisto di macchine minerarie correlate per estrarre ETH. Con il calo delle entrate minerarie, la passione dei minatori per la partecipazione all’estrazione di ETH svanisce di recente. Ma l’aumento rapido del prezzo di BTC e di altre monete rende l’estrazione mineraria più redditizia, più persone sono disposte a partecipare all’estrazione ora.