Le elezioni presidenziali statunitensi hanno una tendenza storica a influenzare i mercati finanziari come un cambiamento nella leadership spesso comporta un cambiamento nella politica fiscale. Per il prezzo dell’oro, c’è stata una maggiore reattività al cambiamento del panorama macroeconomico da quando il presidente Richard Nixon ha preso provvedimenti per porre fine al sistema di Bretton-Woods a partire dal 1971.

Tuttavia, uno sguardo all’impatto storico delle elezioni presidenziali statunitensi offre poche prove di una relazione lineare tra il prezzo dell’oro e il risultato basato sull’appartenenza al partito. I lingotti hanno lottato sotto Clinton, mentre il metallo prezioso è stato scambiato a un prezzo record nel 2011 con Obama alla Casa Bianca. Lo stesso si potrebbe dire dei candidati repubblicani poiché i prezzi dell’oro si sono indeboliti durante l’era Regan, ma sono aumentati durante i due mandati di George W. Bush.

Gli sforzi per attribuire una specifica reazione del mercato basata sull’appartenenza al partito di un candidato sono una pratica sfumata, specialmente quando si prendono in considerazione fattori esterni fondamentali come la stagionalità e il ciclo economico. Molte osservazioni contrastanti possono essere fatte da diversi regimi poiché i mercati finanziari hanno visto bolle e crolli durante le varie presidenze.

Tuttavia, un’osservazione da applicare alla situazione unica delle condizioni attuali è che i prezzi dell’oro sono diventati più volatili nel 21st secolo, e resta da vedere se la tendenza reggerà le elezioni del 2020 come shock economico della pandemia COVID-19 offuscano le prospettive macroeconomiche.

Grafico delle prestazioni dell'oro durante gli anni delle elezioni

Fonte: dati di Bloomberg

Apri un conto demo di trading FX con IG e scambiare valute che rispondono alle tendenze sistemiche.

Monitoraggio l’andamento dei prezzi dell’oro durante gli anni delle elezioni può aiutare a gettare luce guardando la performance media nell’anno precedente e successivo alle elezioni dal 1980. Lo studio riflette il rally del metallo prezioso (linea rossa) all’inizio dell’anno, ma colpendo un picco nel secondo semestre per diminuire a novembre.

1980 – Ronald Regan (R)

Andamento del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 1980 Ronald Regan

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 1980, tlui il prezzo dell’oro ha toccato un massimo di $ 850 a gennaio, quando la Federal Reserve sotto il presidente Paul Volcker stava per spingere i tassi di interesse statunitensi verso il 20% per frenare l’inflazione, ma l’avanzata dall’inizio dell’anno è stata di breve durata poiché il metallo prezioso registrato il minimo del 1980 ($ 482) a marzo. I lingotti hanno recuperato per essere scambiati sopra i $ 600 prima delle elezioni del 4 novembre, ma si sono consolidati per tutto il resto dell’anno fino a mantenere circa $ 590 prima del 1981.

1984 – Ronald Regan (R)

Andamento del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 1984 Ronald Regan

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 1984, i prezzi dell’oro sono stati scambiati brevemente sopra i $ 400 a marzo quando la Federal Reserve ha spinto il tasso di interesse di riferimento di nuovo sopra il 10%, con il presidente Volcker ancora al timone dopo essere stato nominato per servire un secondo mandato nel 1983. I lingotti si sono gradualmente indeboliti nei prossimi mesi , con le elezioni del 6 novembre che hanno fatto poco per sostenere il metallo prezioso anche se l’ex presidente Ronald Regan ha vinto un secondo mandato. A sua volta, il prezzo dell’oro ha continuato a scendere alla deriva dopo le elezioni del 1984 per registrare il minimo annuale ($ 308) a dicembre.

1988 – George Bush (R)

Performance del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 1988 George Bush

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 1988, il prezzo dell’oro ha registrato il massimo annuale ($ 482) a gennaio, ma è sceso sotto i $ 400 a settembre quando il tasso effettivo sui fondi federali è aumentato in vista delle elezioni dell’8 novembre, con la banca centrale statunitense guidata da Alan Greenspan, che è stato nominato da Regan nel 1987. La vittoria di Bush ha fatto poco per influenzare i prezzi dell’oro, con il commercio laterale di lingotti per tutto il resto dell’anno fino alla fine del 1988 intorno a $ 410.

1992 – Bill Clinton (D)

Andamento del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 1992 Bill Clinton

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 1992, i lingotti si sono mantenuti sopra i $ 350 fino a marzo, con l’indebolimento del metallo prezioso per tutta la prima metà dell’anno anche se il Comitato federale del mercato aperto (FOMC) si è attenuto al ciclo di allentamento dei tassi dopo la recessione dei primi anni ’90.

Il presidente Greenspan ha continuato a tagliare i tassi di interesse statunitensi prima delle elezioni del 3 novembre dopo essere stato riconfermato da Bush nel 1991, ma il prezzo dell’oro è rimasto sotto pressione dopo che Clinton ha vinto la presidenza, con il metallo prezioso che ha registrato il minimo annuale ($ 332) pochi giorni dopo le elezioni. L’oro è stato scambiato in un intervallo ristretto per il resto dell’anno, con lingotti terminati nel 1992 intorno a $ 335.

1996 – Bill Clinton (D)

Prestazioni del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 1996 Bill Clinton

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 1996, l’oro è salito sopra i 400 dollari durante il primo trimestre, poiché il Federal Open Market Committee (FOMC) ha mantenuto invariati i tassi di interesse statunitensi, con il presidente Greenspan ancora al timone dopo essere stato riconfermato per un terzo mandato all’inizio dell’anno da Clinton.

Tuttavia, il prezzo dell’oro è rimasto al di sotto di $ 400 per tutto il resto dell’anno anche se Clinton ha vinto un secondo mandato, con i lingotti che hanno rapidamente restituito il rimbalzo dopo le elezioni del 5 novembre per chiudere il 1996 intorno a $ 368.

2000 – George W. Bush (R)

Andamento del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 2000 George W. Bush

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 2000, il prezzo dell’oro è risalito all’inizio dell’anno, anche se il FOMC ha continuato a intraprendere il suo ciclo di rialzi dei tassi a partire dal 1999, con il commercio di metalli preziosi sopra i 300 dollari a febbraio.

Tuttavia, il prezzo dei lingotti è diminuito nei trimestri in arrivo anche se il FOMC aveva implementato il suo ultimo aumento dei tassi a maggio, con il metallo prezioso che ha segnato il minimo annuale ($ 264) pochi giorni dopo le elezioni del 7 novembre. I prezzi dell’oro sono aumentati durante il resto dell’anno fino alla fine del 2000 intorno a $ 272 quando il presidente della Fed Greenspan, che stava scontando il suo quarto mandato dopo essere stato riconfermato da Clinton, ha mantenuto i tassi di interesse statunitensi in attesa.

2004 – George W. Bush (R)

Grafico dei prezzi dell'oro Performance durante le elezioni del 2004 George W. Bush

Fonte: dati di Bloomberg

Nel 2004, il prezzo dell’oro è stato scambiato fino a $ 426 durante il primo trimestre mentre la Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse statunitensi all’1,00%, ma è scivolato sotto i $ 400 in numerose occasioni prima delle elezioni del 2 novembre come presidente Greenspan, che stava scontando una posizione senza precedenti quinto mandato dopo essere stato riconfermato da George W. Bush, ha iniziato ad aumentare i tassi nella seconda metà dell’anno. I prezzi dell’oro sono aumentati dopo che Bush ha vinto il suo secondo mandato, con i lingotti che hanno registrato il massimo annuale ($ 456) a dicembre.

2008 – Barack Obama (D)

Prestazioni del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 2008 Barack Obama

Fonte: dati di Bloomberg

4 novembre 2008

Nel 2008, il prezzo dell’oro è salito brevemente sopra i $ 1000 a marzo quando il FOMC ha abbassato i tassi di interesse degli Stati Uniti in risposta alla crisi degli alloggi subprime, ma è stato scambiato a partire da $ 721 prima delle elezioni del 4 novembre anche come banca centrale sotto il presidente Bernanke consegnato due tagli separati dei tassi in ottobre. L’oro ha registrato il minimo annuale ($ 712) pochi giorni dopo che Obama ha vinto le elezioni, con lingotti in ripresa per tutto il resto dell’anno per chiudere il 2008 intorno a $ 882.

2012 – Barack Obama (D)

Grafico del prezzo dell'oro Performance durante le elezioni del 2012 Barack Obama

Fonte: dati di Bloomberg

6 novembre 2012

Nel 2012, il prezzo dell’oro ha iniziato l’anno appena sopra $ 1600 e ha spinto fino a $ 1781 a febbraio, ma ha finito per registrare il minimo annuale ($ 1540) a maggio anche se il FOMC ha mantenuto i tassi di interesse statunitensi vicini allo zero. I prezzi dell’oro si sono ripresi in vista delle elezioni del 6 novembre per tornare al di sopra di $ 1700, ma il rimbalzo si è svelato nonostante Obama abbia vinto un secondo mandato poiché il metallo prezioso ha chiuso l’anno intorno a $ 1675.

2016 – Donald Trump (R)

Andamento del grafico del prezzo dell'oro durante le elezioni del 2016 Donald Trump

Fonte: dati di Bloomberg

8 novembre 2016

Nel 2016, il prezzo dell’oro è iniziato l’anno sotto i $ 1100 quando il FOMC guidato dalla presidente Janet Yellen ha aumentato i tassi di interesse degli Stati Uniti alla fine del 2015, ma a luglio è stato scambiato fino a $ 1366 quando la banca centrale ha mantenuto il tasso dei fondi federali in un intervallo compreso tra 0,25% e 0,50%. Tuttavia, i prezzi dell’oro sono scesi sotto i $ 1300 prima delle elezioni del 4 novembre, con la vittoria di Donald Trump che ha fatto poco per sostenere il metallo prezioso mentre i lingotti hanno chiuso l’anno intorno a $ 1148.

2020 -?

Dal momento che il crollo del sistema Bretton-Woods, vari fattori fondamentali possono essere attribuiti alle variazioni del prezzo dell’oro, ma uno sguardo alla cronologia delle elezioni presidenziali statunitensi offre poche prove di una relazione lineare tra lingotti e affiliatio del partiton anche se il metallo prezioso è diventato più reattivo all’ambiente macroeconomico.

Detto questo, lo studio indica che i prezzi dell’oro sono diventati più volatili nel 21 ° secolo e resta da vedere se la tendenza reggerà al di là le elezioni del 2020 come il metallo prezioso viene scambiato a nuovi livelli record quest’anno.

— Scritto da David Song, Currency Stratega

Seguimi su Twitter su @DavidJSong





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here