La quantità di BTC bloccata in progetti di finanza decentralizzata è aumentata di oltre il 30% nell’ultima settimana, nonostante i cali del prezzo di Bitcoin (BTC) e Ethereum (ETH).

Il valore totale in USD bloccato (TVL) può aumentare e diminuire con i mercati, anche in assenza di un cambiamento nel numero di token bloccati. La scorsa settimana, il TVL è sceso dall’ATH di $ 9,6 miliardi il 2 settembre a $ 6,11 miliardi il 10 settembre prima di risalire a $ 7,82 miliardi.

Secondo la piattaforma di monitoraggio DeFi DefiPulse, la quantità di BTC bloccati è aumentata da 67.038 BTC ($ 694 milioni) il 2 settembre all’attuale massimo storico di 87.752 BTC ($ 904 milioni), con un aumento del 30,9%. Si tratta di un aumento equivalente a 20 volte il BTC bloccato nella rete Lightning.

Oltre il 50% (51.295 BTC) dei BTC bloccati si trova su Ethereum in WBTC, che ha rappresentato il 63% della crescita di BTC dal 2 settembre, bloccando altri 13.000 WBTC sulla rete.

RenVM, che consente anche agli utenti di tokenizzare i propri BTC su Ethereum, tiene bloccati 17.630 BTC, crescendo di oltre 2.500 BTC dall’inizio del mese.

Al contrario, la rete Lightning di Bitcoin rappresenta solo l’1,2% (1.061 BTC) del totale BTC bloccato in DeFi. Il BTC bloccato su Lightning Network è cresciuto di soli 4 BTC, ovvero meno dello 0,02% della crescita totale di BTC, finora a settembre.

I 198 BTC aggiunti alla rete Lightning dall’inizio dell’anno rappresentano una crescita del 23%, ed è sminuito dall’aggiunta di WBTC di oltre 50.000 BTC quest’anno, che rappresenta una crescita di oltre l’8600%.

Nonostante 600.000 Ether siano stati rimossi dai protocolli DeFi, Bitcoin si trova ancora in un lontano secondo posto. Rappresenta meno della metà del valore di $ 2 miliardi di dollari dei 5,6 milioni di monete bloccate di Ethereum. In totale, quasi il 5% dell’offerta circolante di Ethereum è ora bloccato in DeFi.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here