Il presidente della Federal Reserve statunitense, Jerome Powell, di recente annunciato che la Fed ora sposterà la sua attenzione dal prendere di mira l’inflazione alla chiusura delle “carenze di disoccupazione”. La Fed, in sostanza, sta raddoppiando le stesse politiche inflazionistiche con cui ha sperimentato durante la crisi finanziaria globale del 2008.

Parlando a un Jackson Hole virtuale evento recentemente, Powell ha detto che la Fed non aumenterà i tassi in qualunque momento presto. Ha anche affermato che la Fed tollererebbe un’inflazione più elevata, allontanandosi dalla norma storica di un obiettivo di inflazione del 2%. Questa politica monetaria a buon mercato e una maggiore inflazione portano l’allentamento quantitativo a un livello completamente nuovo.

Relazionato: Jerome Powell getta dollaro USA sotto un autobus a Jackson Hole

Una Federal Reserve studia sulle pratiche della Banca del Giappone durante la crisi economica del 2013 hanno avvertito che obiettivi di inflazione più elevati potrebbero portare a “un accomodamento monetario senza fine, anche quando l’attività economica reale è forte o quando si accumulano rischi di stabilità finanziaria”. La Banca del Giappone aveva introdotto nel marzo 2013 un allentamento monetario quantitativo e qualitativo per stimolare l’economia giapponese e aumentare il tasso di inflazione.

Sulla scia del discorso di Powell a Jackson Hole, il valore del dollaro è sceso rispetto all’euro, mentre l’oro è tornato ai massimi degli anni ’50. Nel frattempo, Bitcoin (BTC) si è stabilizzato; Etere (ETH) stabilizzato; e le azioni si sono nuovamente riprese. Tuttavia, la Fed non sarà in grado di invertire la rotta della sua nuova politica così facilmente.

Poiché i governi stampano infinite quantità di denaro attraverso salvataggi e allentamento quantitativo, l’inflazione probabilmente farà salire i prezzi core. Chiaramente, il sistema fiat è imperfetto. I media crittografici utilizzano la minaccia dell’inflazione per proclamare i vantaggi delle criptovalute. In un contesto di riduzione del prodotto interno lordo, rallentamento economico, salvataggi governativi e stimoli fiscali, Bitcoin e le criptovalute sono state pubblicizzate come una copertura resistente all’inflazione. Il reclamo? Dovresti comprare Bitcoin perché la crittografia funge da copertura per il sistema fiat rotto.

Il bitcoin, tuttavia, rimane una tecnologia nascente. In tempi di incertezza economica, gli investitori preferiscono ancora affluire all’oro e alle azioni come beni rifugio. Nel caso dell’oro, secondo Morningstar dati, l’indice S&P GSCI Gold ha guadagnato il 7,2% negli ultimi tre mesi del 2018, mentre il mercato azionario è sceso di quasi il 14%. Anche durante l’ultimo mercato ribassista, quando le azioni sono scese del 33%, l’indice dell’oro è sceso solo del 2%. Il prezzo dell’oro è poi salito nei prossimi mesi a livelli record. La volatilità dell’oro, tuttavia, può andare in entrambe le direzioni. Quasi un terzo dei gestori di fondi intervistati nell’agosto 2020 Bank of America Global Fund Manager Survey ha dichiarato di ritenere che l’oro fosse sopravvalutato.

Dal presidente di Fidelity che ha presentato istanza per un nuovo fondo Bitcoin a Bitcoin multimiliardario e gestore di criptovalute Grayscale riportando i suoi più grandi afflussi trimestrali di quasi $ 1 miliardo, la domanda istituzionale di Bitcoin è aumentata durante la pandemia COVID-19. Questa attenzione istituzionale mostra la serietà con cui i principali attori hanno considerato Bitcoin come un asset investibile.

Il denaro istituzionale, tuttavia, sta appena iniziando a entrare nell’ecosistema delle criptovalute, quindi il mercato è ancora relativamente immaturo e frammentato. Crypto ha bisogno di più tempo per crescere prima di essere ampiamente considerato un bene rifugio.

Gli investitori oggi usano Bitcoin come riserva di valore perché pensano che i prezzi aumenteranno in termini fiat. Attenzione: questa non dovrebbe essere l’unica intenzione di investire nel mercato delle criptovalute. Se le persone investono in questo spazio perché il sistema finanziario sta collassando, allora assisteremo a un malsano aumento dei prezzi seguito da un crollo dell’indice crittografico.

In uno scenario del genere, gli investitori si riverseranno nel settore non a causa della tecnologia crittografica o della natura deflazionistica di Bitcoin, ma per paura di perdersi. Coloro che soffrono di FOMO credono che, poiché tutti gli altri stanno investendo, dovrebbero esserlo anche loro. Lo abbiamo visto accadere durante la ICO mania del 2017, quando gli investitori volevano principalmente fare soldi e non investire in tecnologie innovative.

Gli investitori e gli appassionati di criptovalute parlano spesso di criptovaluta in relazione alla valuta fiat, ma non era intenzione delle criptovalute essere correlate in questo modo. L’intenzione era quella di creare un’alternativa alla fiat.

Gli appassionati di Crypto sono i nuovi hippy del 21 ° secolo. Non stiamo protestando per le strade. Stiamo costruendo un’alternativa. Per costruirlo, dobbiamo tornare alle nostre radici e smettere di correlare criptovaluta con fiat.

Non vogliamo che il mercato delle criptovalute cresca perché il sistema monetario tradizionale ha fallito. Vogliamo vedere questo mercato crescere perché gli investitori richiedono scelta e libertà finanziaria.

Questo articolo non contiene consigli o raccomandazioni di investimento. Ogni mossa di investimento e trading comporta dei rischi, i lettori dovrebbero condurre le proprie ricerche quando prendono una decisione.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

Luciano Nonnis è il CEO e fondatore di DXone ed è un imprenditore dall’età di 21 anni. Alcuni anni fa, l’imprenditore Mario Urschitz e ha co-fondato un gruppo Facebook chiamato Alles über Kryptowährungen und Blockchain – Crypto Coach. Questo gruppo è diventato uno dei gruppi di educazione crittografica autosufficiente più popolari e più grandi al mondo in lingua tedesca. Hanno anche fondato Crypto-Coach, un centro educativo online e offline non profit. Inoltre, hanno stabilito e gestito un importante impianto di mining di criptovaluta in Austria, che era uno dei primi cinque minatori Dash al mondo. Di recente, Mario e Luciano si sono affermati come esperti nella tecnologia blockchain e hanno aiutato varie istituzioni finanziarie a posizionarsi con successo in questo nuovo ambiente.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here