Il bitcoin considerato come “moneta sana” è un ritornello comune tra molti sostenitori della popolare criptovaluta. Con una fornitura finita di 21 milioni e una rete garantita da oltre 120 exahash al secondo di potenza di calcolo, il consenso tra i commentatori del settore si è spesso spinto a farla diventare una superpotenza monetaria globale.

Ad appena un decennio dalla sua esistenza, il valore dedotto di Bitcoin è già l’undicesima più grande base monetaria globale. All’inizio di novembre, Il bitcoin è diventato più grande del rublo russo per la prima volta nella storia.

Mentre le valute legali cedono sotto la tensione economica esacerbata dalla pandemia di coronavirus, Bitcoin (BTC) ha continuato la sua traiettoria al rialzo per la maggior parte del 2020. Anche se le fluttuazioni dei prezzi sono molto più volatili, BTC è cresciuto di circa il 120% da inizio anno nonostante l’evento del giovedì nero, un calo sostanziale subito a metà marzo.

Con i piani di ripresa economica che probabilmente implicheranno considerevoli pacchetti di stimolo, si prevede che tali iniezioni di liquidità causeranno una significativa svalutazione dei valori delle valute legali. Se Bitcoin segue il file anticipo parabolico previsto da numerosi analisti di mercato, è pronto a muoversi ancora più in alto nel registro della base monetaria globale.

L’intero record della storia della valuta di riserva mondiale rimane coerente con il fatto che le basi monetarie aumentano e diminuiscono. Nelle sei epoche monetarie dal 1450, nessuna valuta ha mantenuto il dominio globale per più di 110 anni. Con il dollaro USA fermo a 95 anni come valuta di riserva mondiale, alcuni sperano che questo sia un segno che le cose potrebbero cambiare presto.

Le valute Fiat si indeboliscono

Nonostante sia la valuta fiat più sostenuta dall’oro nel mercato globale, il rublo russo ha ora una base monetaria inferiore a Bitcoin. Con il rublo che perde ulteriormente terreno rispetto al dollaro USA e BTC che balza a quota 16.000 $, 1 BTC ora equivale a 1,2 milioni di rubli. Il prossimo passo per Bitcoin nel suo assalto alle principali valute è il dollaro canadese. Sulla base della sua attuale offerta circolante, una mossa superiore a $ 18.000 per BTC lo vedrebbe superare il CAD.

Come riportato in precedenza, Bitcoin è già ai massimi storici contro sette valute nazionali compresi quelli di Brasile, Argentina e Turchia. L’aumento dell’inflazione esacerbato dalla stagnazione economica provocata dal COVID-19 ha avuto un impatto negativo su diverse valute legali.

Per ora, il massimo storico di Bitcoin rimane i $ 19.665 raggiunti durante la corsa al rialzo di dicembre 2017. Tuttavia, affinché Bitcoin inizi a sfidare le principali valute globali come il dollaro USA, lo yuan cinese e lo yen giapponese, dovrà raggiungere un prezzo a sei cifre, secondo John Todaro, responsabile della ricerca presso la piattaforma di trading istituzionale TradeBlock, che ha detto a Cointelegraph :

“Potremmo vedere Bitcoin superare le altre principali valute legali, ma dipende da come si misura la dimensione di un mercato FX. Il dollaro neozelandese (“kiwi”) è all’estremità inferiore del gruppo e il più suscettibile di essere passato da Bitcoin, ma attualmente vede oltre $ 100 miliardi di volume di scambi giornalieri, che è ben al di sopra di quello di Bitcoin. A differenza di altri asset di denaro forte, Bitcoin vede un elevato turnover di trading, quindi anche a una capitalizzazione di mercato leggermente più alta, il volume di trading nozionale di Bitcoin potrebbe essere un po ‘più alto di quanto lo sia oggi. “

Bitcoin brilla mentre l’economia globale balbetta

L’avanzamento parabolico necessario per spingere Bitcoin a tali altezze collocherebbe anche BTC saldamente nella stessa categoria dell’oro, come un vero e proprio deposito di valore patrimoniale. Diversi sostenitori della famosa criptovaluta identificano già BTC come una copertura adeguata contro la svalutazione monetaria e altre forme di incertezza economica.

Tra i tagli dei tassi di interesse nel 2019, Travis Kling, fondatore e chief investment officer di Ikigai Asset Management, avvertito che la situazione del debito prevalente all’epoca era una ricetta per un’altra crisi finanziaria globale. Secondo Kling, le banche centrali stavano sostenendo i parametri di crescita per rappresentare l’impressione di un’economia sana. Quando Kling ha fatto questi commenti, il mondo non era ancora toccato dalla pandemia di coronavirus.

Bitcoin è apparso frequentemente nelle discussioni su possibili beni rifugio che potrebbero essere utilizzati come file proteggersi da un’altra recessione globale. In mezzo al panico COVID-19 della vendita di asset, BTC non è sfuggita alla massiccia liquidazione del Black Thursday, dimostrando che non ha ancora raggiunto quell’ambito status. La più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato è crollata di quasi il 50%, toccando il fondo a circa $ 3.800. Tuttavia, esattamente in otto mesi da allora, il prezzo di BTC è aumentato di oltre il 300%.

Commentando la possibilità che Bitcoin raggiunga un nuovo massimo storico nel breve termine, Todaro ha osservato che sarà difficile stabilire una spinta sostenuta verso il record prima della fine del 2020, aggiungendo ulteriormente: “Questo ciclo rialzista dovrebbe portarci bene al di là dei precedenti ATH su base a lungo termine e con la spesa pubblica in aumento e il dimezzamento di maggio alle spalle, siamo pronti per uno dei periodi rialzisti più attraenti nella storia di Bitcoin “.

Joe DiPasquale, CEO del crypto hedge fund BitBull Capital, vede anche Bitcoin stabilire un nuovo massimo storico durante questa corsa al rialzo, dicendo a Cointelegraph: “È molto probabile [that Bitcoin reaches a new all-time high] da quando Bitcoin ha ora superato $ 16.000, che era un livello di resistenza chiave. $ 20.000 non sono così lontani da questo punto a meno che eventuali importanti sviluppi negativi non abbiano un impatto sul mercato a breve termine “.

COVID-19 e il quantitative easing infinito

Sebbene l’inflazione rimanga una vera preoccupazione per molti paesi, il 2020 è stato un anno fondamentale per Bitcoin in termini di dinamiche di offerta. L’evento di dimezzamento di maggio ha visto la fornitura di nuovo Bitcoin dimezzata.

Nel frattempo, diversi governi in risposta alla tensione economica indotta dal COVID-19 hanno adottato politiche monetarie proattive, comprese le iniezioni di contanti di stimolo. Secondo le stime della Banca mondiale, il prodotto interno lordo globale è previsto diminuire del 5,2% nel 2020, la più grande contrazione degli ultimi decenni. A giugno, la Banca mondiale ha delineato una tabella di marcia per i paesi per affrontare i problemi economici, affermando:

“Le politiche per ricostruire sia a breve che a lungo termine comportano il rafforzamento dei servizi sanitari e l’attuazione di misure di stimolo mirate per aiutare a riaccendere la crescita, compreso il sostegno al settore privato e l’ottenimento di denaro direttamente alle persone. Durante il periodo di mitigazione, i paesi dovrebbero concentrarsi sul sostegno dell’attività economica con il sostegno a famiglie, imprese e servizi essenziali “.

Riconoscendo il valore in calo delle disponibilità liquide, alcune società stanno già facendo perno su Bitcoin come risorsa di riserva del tesoro. MicroStrategy, quotata al Nasdaq, ha fatto notizia ad agosto quando ha annunciato l’acquisizione di 21.454 BTC – valutato a $ 250 milioni all’epoca. Un maggiore interesse da parte delle grandi istituzioni tradizionali è seguito non appena hanno cercato di acquistare Bitcoin come mezzo di riserva.

Relazionato: Il prossimo grande tesoro: le aziende acquistano Bitcoin come riserva di tesoreria

La società di business intelligence ha raddoppiato la sua politica di adozione di Bitcoin con un ulteriore acquisto di 16.796 BTC ($ 175 milioni) a settembre. In meno di due mesi, la società ha visto il valore delle sue partecipazioni in BTC crescere di oltre $ 160 milioni. Cose simili si potrebbero dire di altre società native non crittografiche che hanno acquistato BTC come riserva.

Mentre Bitcoin conserva alcune caratteristiche relative alle valute, la mancanza di limiti di offerta per fiat rende qualsiasi tentativo di fare confronti tra le due in qualche modo problematico. Se è così, forse la capitalizzazione di mercato rappresenta un parametro migliore per misurare la crescita di Bitcoin rispetto alle dimensioni di altre importanti basi di asset, come ha affermato DiPasquale:

“Il bitcoin che supera le valute legali non è una metrica su cui dovremmo concentrarci poiché le valute legali non hanno limiti di circolazione in quanto tali. Invece, la capitalizzazione di mercato è una metrica migliore e Bitcoin è ora tra le prime 20 risorse (classifica di azioni, ETF e criptovalute). “

È probabile che sia difficile invertire la recessione economica

In un discorso pronunciata il 6 novembre, Jerome Powell, presidente della Federal Reserve statunitense, ha minimizzato le aspettative di una rapida ripresa dall’attuale contrazione economica: “L’attuale recessione economica è la più grave della nostra vita. Ci vorrà un po ‘di tempo per tornare ai livelli di attività economica e occupazione che prevalevano all’inizio di quest’anno “.

Le osservazioni di Powell fanno eco ad avvertimenti simili da parte della Banca Mondiale e di altri istituti finanziari. In effetti, il consenso schiacciante è che la confluenza dei vincoli economici globali, regionali e nazionali esacerbati da COVID-19 sarà difficile da ribaltare nel breve e medio termine.

Il gigante farmaceutico Pfizer ha recentemente annunciato che il suo Il vaccino COVID-19 è risultato efficace oltre il 90% nella prevenzione del virus. Mentre lo sviluppo costituisce una buona notizia nella lotta contro la pandemia, gli analisti di mercato affermano che l’economia è destinata a un percorso discendente indipendentemente da un vaccino.

Todaro ritiene che “i mercati azionari stiano valutando il vaccino COVID-19 come un salvatore per gli industriali e le società di vendita al dettaglio di persona”. Tuttavia, ha aggiunto che le buone notizie da sole non daranno il via alla ripresa economica poiché sarà necessario ristabilire le dinamiche di domanda e offerta. Inoltre, secondo Todaro, varie aziende affermate si trovano in situazioni finanziarie disastrose e, senza ulteriore sollievo da parte dei governi, rischiano di andare in bancarotta: “Questa incertezza sta cominciando a ripresentarsi ora, con i mercati azionari che vedono un ritiro”.

Con più dolore in vista, Bitcoin sembra pronto a ricevere un’attenzione istituzionale ancora maggiore mentre i giocatori di grandi soldi cercano veicoli di investimento alternativi. In effetti, il flusso di denaro intelligente in Bitcoin ha già alcune parti interessate che lo prevedono BTC sfiderà l’oro come asset di copertura di fatto preferito dagli investitori istituzionali.