I token non fungibili non sono un fenomeno nuovo nello spazio crittografico, poiché l’emergere della tecnologia blockchain ha fornito un utile strato di base per creare un’economia tentacolare per gli oggetti da collezione digitali.

Tra il crescente appetito per l’arte digitale, i token di utilità in-game e altre forme di cripto-collezionabili, il metaverso NFT sta vivendo un’impennata verso una commercializzazione su vasta scala. All’interno dell’ecosistema si trovano numerose intersezioni tra vari settori come arti e mestieri, giochi e immobili virtuali.

La campagna pubblicitaria della finanza decentralizzata del 2020 ha anche contribuito ad aggiungere più carburante al fuoco NFT. I token di governance ei protocolli di estrazione della liquidità sembrano incoraggiare maggiori interazioni con i mercati NFT, il che è un netto positivo per la liquidità del mercato NFT.

NFT probabilmente rari come risorse di gioco

All’inizio dell’anno, il servizio di analisi dei giochi Newzoo ha stimato che il settore lo farà superare $ 150 miliardi di entrate entro la fine del 2020, con questa cifra che supererà i $ 200 miliardi entro i prossimi tre anni. Su più piattaforme, inclusi PC, dispositivi mobili e console, gli sviluppatori di giochi hanno visto un aumento del patrocinio dopo mesi di blocchi a causa della pandemia COVID-19.

L’intersezione del settore dei giochi e della blockchain offre probabilmente una delle proposte più interessanti per l’utilità NFT. Anche l’appassionato di giochi più casual ha familiarità con i gettoni di gioco, come i FIFA Points e le monete FUT, o lo scambio di oggetti con denaro in un mercato da persona a persona come in PlayerUnknown’s Battlegrounds.

Al di fuori del gioco, queste risorse di solito hanno poco valore. Tuttavia, con la blockchain, sta diventando sempre più possibile tokenizzare queste risorse di gioco. Inoltre, la nuova tecnologia fornisce un utile livello di base per la creazione di un mercato per scambiare questi NFT in-game.

Con gli NFT come monete di gioco, la proprietà reale di queste risorse digitali diventa possibile, cambiando l’equilibrio di potere dalle società di gioco ai giocatori stessi. La proprietà reale offre la possibilità di commercializzare nicchie popolari come i giochi di carte collezionabili online.

Pertanto, i giocatori possono essere certi di guadagnare denaro reale per il loro tempo trascorso esplorando questi diversi mondi di gioco. I mercati NFT consentono agli utenti di scambiare preziose risorse di gioco con denaro o anche criptovalute popolari come Bitcoin (BTC) e Ether (ETH).

Blockchain come livello di base comune potrebbe anche creare la possibilità di interazione multipiattaforma nello spazio di gioco. Gli utenti saranno in grado di spostare risorse come carte collezionabili rare o armature e skin uniche su titoli diversi, a condizione che i giochi, soprattutto se realizzati dallo stesso sviluppatore, condividano la stessa implementazione blockchain.

Piattaforme di gioco come Enjin stanno già lavorando al gioco blockchain multipiattaforma. Ad aprile, l’azienda annunciato un evento cross-game in stile Ready Player One denominato “Cyborg’s Quest” che coinvolge otto diversi titoli basati su Ethereum con un montepremi di $ 50.000 allegato alla competizione.

Inoltre, il mondo dei giochi competitivi è già un’industria enorme. All’inizio di quest’anno, esperti di mercato previsto che le entrate globali degli eSport supereranno il miliardo di dollari prima della fine del 2020.

Artista affamato? Coniare e vendere arte simbolica

Secondo i dati di Nonfungible.com, il volume totale delle vendite NFT a vita sulla rete Ethereum ha superato $ 130 milioni. Il settore artistico ha contribuito a questa cifra solo per circa 8 milioni di dollari.

Però, come precedentemente riportato da Cointelegraph, diversi indicatori indicano che gli NFT rappresentano un importante passo avanti per l’arte criptata. Blockchain sta già trovando applicazioni utili per stabilire la provenienza di preziose opere d’arte. La natura immutabile della tecnologia del registro decentralizzato offre un quadro per monitorare e tracciare la proprietà delle opere d’arte per garantire l’autenticità dell’articolo in questione.

Blockchain sta anche trovando adozione nel mercato delle vendite d’arte online. All’inizio di ottobre, la casa d’aste Christie’s ha venduto un ritratto digitale del codice di Bitcoin per oltre $ 130.000. La notizia ha segnato una pietra miliare nell’avventura artistica di NFT poiché è stata la prima volta che una rinomata casa d’aste ha condotto la vendita di un token non fungibile. Commentando l’arte blockchain, Artur Sychov, fondatore e CEO della piattaforma di realtà virtuale Somnium Space, ha identificato l’industria dell’arte come pronta per l’interruzione della blockchain, dicendo a Cointelegraph:

“L’arte è una delle applicazioni più grandi e in più rapida crescita per gli NFT. L’intersezione tra prova di proprietà e scarsità lo rende un connubio perfetto fatto in paradiso. Lo stesso vale per i beni fisici. Acquistare una copia digitale e ricevere un equivalente fisico sta diventando un grande business e parte di un ecosistema “.

In una conversazione con Cointelegraph, l’artista di intelligenza artificiale Pindar Van Arman ha descritto l’adozione di NFT come una vera fonte di protezione della proprietà intellettuale per i creatori d’arte. Secondo Arman: “Senza di essa [NFT], si possono fare riproduzioni illimitate del loro lavoro. “

Man mano che gli artisti digitali esplorano modi per coniare NFT, i concetti di ecceità e indicicalità entrano in gioco maggiormente. Il primo descrive la proprietà dell’unicità di un oggetto, mentre il secondo esamina l’associazione tra gli oggetti.

Alcuni critici dell’arte NFT dire non può avere una scarsità dimostrabile perché è possibile scaricare un JPEG dell’opera d’arte, rendendo ridondante il formato del file crypto-art. C’è anche la convinzione che la crypto art possa ottenere uno status di valore solo all’emergere di un consenso sociale con principi “integrati” dei registri di proprietà.

In tale contesto, gli artisti non solo possono guadagnare percentuali di commissioni salutari per le loro opere, ma anche ricevere royalties dalle vendite secondarie. Come i giocatori, i creatori d’arte possono guadagnare entrate passive dal mercato NFT. Dirk Lueth, co-fondatore della piattaforma di trading di proprietà NFT Upland, ha dichiarato a Cointelegraph che i cimeli digitali e gli oggetti da collezione crittografici sono solo la punta dell’iceberg per i token non fungibili:

“C’è tutto il mondo dei media digitali. Una volta che la tecnologia è un po ‘più avanzata e la blockchain ti consente anche di gestire i diritti di accesso a un film, una canzone, ecc., L’intero mondo degli NFT vedrà una crescita senza precedenti “.

Commercio virtuale nel metaverso NFT

Sia attraverso i giochi o la vendita di arte digitale, il metaverso NFT sembra in rotta per fornire le basi per uno spazio virtuale completamente realizzato. A settembre, Cointelegraph ha riferito che gli investitori lo erano affrettandosi ad acquisire terreni basati su blockchain.

Tra i progressi tecnologici nella realtà virtuale e nella blockchain, gli sviluppatori di mondi digitali stanno costruendo ecosistemi virtuali immersivi che consentono diverse forme di interazione virtuale. Pertanto, per coloro che non possiedono una grande destrezza con i giochi o il dono di creare opere d’arte impressionanti, la proprietà della terra in ambienti simulati offre un altro percorso per l’acquisizione di NFT.

Relazionato: Rompere il terreno virtuale: la terra protetta da blockchain attira gli investitori immobiliari

Progetti come Upland stanno costruendo mondi digitali sulla superficie del mondo reale. Basandosi sull’idea dei giochi di carte collezionabili online, i giocatori su tali piattaforme possono acquistare proprietà di riferimento che assomigliano esattamente alle loro controparti del mondo reale.

In effetti, il panorama immobiliare virtuale sta cominciando a comprendere ogni aspetto del mercato emergente NFT. Una volta realizzati, gli artisti possono esporre le loro opere in musei virtuali e gallerie d’arte di proprietà di proprietari terrieri digitali e proprietari di edifici.

Secondo Lueth, il panorama digitale in espansione contribuirà a creare valore per beni e servizi NFT: “Man mano che le persone iniziano a trascorrere più tempo in questi mondi paralleli, non è una questione di se, ma quando altre industrie scopriranno che le NFT saranno in grado di offrire nuove opportunità di business complete. “

La ricaduta della pandemia COVID-19 ha anche causato un riesame dell’interazione umana in diversi ambiti della vita. I protocolli di allontanamento sociale in molti paesi hanno visto attività come il lavoro e la scuola passare al regno virtuale. Sychov crede che gli esseri umani alla fine si muoveranno verso un mezzo di interazione principalmente virtuale:

“Il futuro della comunicazione umana sarà principalmente digitale all’interno della realtà virtuale. E affinché gli esseri umani possano esistere nei mondi virtuali, hanno bisogno di un’economia indipendente decentralizzata e di protocolli di proprietà che blockchain e NFT risolvono molto bene. Quindi, in breve, sì, le NFT giocheranno un ruolo fondamentale nello scambio di beni e servizi “.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here