In un blog inviare di venerdì, Binance ha reintrodotto BTCB nel mondo, un asset Bitcoin avvolto destinato a portare liquidità dalla più grande criptovaluta del mondo, BTC, all’ecosistema DeFi (finanza decentralizzata) di Binance Smart Chain.

Tuttavia, gli hodlers potrebbero incoraggiare il rinnovato interesse per BTCB per un motivo diverso: ogni Bitcoin bloccato su BSC può contribuire a un incombente crisi dell’offerta di BTC.

Annunciato per la prima volta l’anno scorso, Binance inizialmente ha visto Bitcoin avvolto esclusivamente come un veicolo per i trader per ottenere un’esposizione di asset cross-chain senza lasciare BSC. Da allora, tuttavia, l’utilità del Bitcoin avvolto è esplosa a causa della precoce maturazione dell’ecosistema DeFi.

Ad esempio, WBTC – un token Bitcoin avvolto su Ethereum – ha riscosso un enorme successo dal suo lancio a gennaio 2019: attualmente si classifica come la criptovaluta n. 14 per capitalizzazione di mercato e ha trovato un’adozione significativa in protocolli come Aave e Uniswap, i cui contratti si collocano entrambi tra i primi 10 detentori di WBTC.

Nel loro blog, Binance ha notato che un’adozione simile potrebbe essere possibile per BTCB. Il Bitcoin avvolto potrebbe essere utilizzato per coniare stablecoin con protocolli nativi di BSC come QIAN e Venus; come garanzia per i protocolli di prestito come CREAM; e nei protocolli di yield farming e mining di liquidità come Beefy, Bakery e Pancake.

Secondo quello che Binance chiama una “prova di risorse” pagina, attualmente ci sono oltre 9.600 Bitcoin su BSC, per un valore di oltre $ 181 milioni. Tuttavia, il post sul blog specifica che ne circolano solo 2.000.

Altre catene abilitate agli smart contract intendono aggravare la crescente scarsità. Il progetto Wormhole cross-chain di Solana trasformerà i token ERC-20 in token SPL, compreso WBTC, e allo stesso modo, Interlay sta utilizzando il supporto di una sovvenzione della Web3 Foundation a costruire un trustless bridge portando Bitcoin avvolto a Polkadot. Interlay verrà lanciato all’inizio del 2021.

Soprattutto se il successo degli asset Bitcoin avvolti e cross-chain continuerà a crescere, le istituzioni che cercano di recuperare l’offerta di BTC potrebbero trovarsi di fronte a una crescente scarsità. Aaron Wright, il co-fondatore di OpenLaw, ha indicato un futuro così possibile in un Tweet: