Bitcoin (BTC) inizia la settimana spingendo per $ 11.000 mentre il comportamento di portata continua, ma il pericolo di divario dei futures rimane.

Cointelegraph esamina cinque fattori che potrebbero influenzare l’azione dei prezzi di Bitcoin nella prossima settimana.

I file fiscali di Trump vedono un rimbalzo di $ 11.000 BTC

La domenica ha fornito una spinta inaspettata a Bitcoin dopo una settimana di prestazioni di prezzo poco brillanti. Ciò è stato possibile grazie a un’indagine sui registri fiscali del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, i cui risultati sono stati pubblicati dal New York Times.

I dettagli includono solo $ 750 di tasse pagate da Trump nel suo anno elettorale 2016, mentre nessun ulteriore collegamento con la Russia, una delle principali fonti di contesa all’epoca.

Tuttavia, la pubblicazione potrebbe avere implicazioni per le possibilità di Trump nel periodo precedente le elezioni di quest’anno, ei mercati staranno attenti a nuove turbolenze.

Lo stesso Trump aveva combattuto a lungo e duramente per mantenere segreti i suoi registri fiscali.

“Sono notizie totalmente false; truccato, falso “, lui ha risposto durante una conferenza stampa alla Casa Bianca.

Domenica, BTC / USD è salito verso gli 11.000 $, nonostante la resistenza a circa 10.950 $ per tornare ai livelli di stampa appena sotto i 10.900 $.

Questo segna il limite superiore dell’intervallo settimanale della criptovaluta, che non è riuscito a produrre un breakout o un breakout al di fuori della zona tra $ 10.000 e $ 11.000.

Grafico a 7 giorni BTC / USD

Grafico a 7 giorni BTC / USD. Fonte: Coin360

Bitcoin è stato superiore a $ 10.000 più a lungo che mai

Nonostante non abbia fatto progressi oltre $ 11.000, tuttavia, Bitcoin si sta ancora dimostrando rialzista questo mese.

Come notato da vari analisti domenica, BTC / USD ha ora speso più tempo a fare trading sopra $ 10.000 che mai – 64 giorni lunedì.

Anthony Pompliano, il co-fondatore di Morgan Creek Digital, ha riassunto lo stato d’animo agli scettici delle criptovalute

“Bitcoin ha trascorso un record di 63 giorni consecutivi sopra i $ 10.000 e sta solo mostrando segni di aumento”, si legge in una parte di un tweet.

“Il mercato sta dimostrando che la tua tendenza al ribasso è sbagliata. C’è sempre tempo per capitolare e unirsi alla festa “.

Altri credono che cinque figure abbiano ancora una possibilità di disintegrarsi. Se il supporto dovesse diminuire, il divario dei futures del CME Group ancora aperto a $ 9.600 rimane non testato.

Nel un’analisi sabato, analista di Cointelegraph Markets Michaël van de Poppe ha evidenziato il divario come probabile esito di uno scenario ribassista per Bitcoin, con i livelli attuali cruciali da mantenere per aprire la possibilità di una spinta al rialzo.

I fondamenti di Bitcoin non si preoccupano

Ancora più forti che mai, i fondamentali fondamentali della rete Bitcoin continuano a sottolineare la dedizione dei minatori.

Sia il tasso di hash medio settimanale che la difficoltà sono rimasti rialzisti all’inizio della settimana, con difficoltà fissate per un aumento del 5,1% al successivo riaggiustamento tra cinque giorni.

L’aggiustamento precedente ha visto un aumento dell’11,4%, sottolineando la concorrenza tra i minatori per i premi in blocco. All’epoca, tuttavia, l’analista quantistico PlanB descritto la mossa è “come un orologio”, in arrivo quattro mesi dopo l’ultimo dimezzamento dei sussidi per blocchi di Bitcoin e in linea con il comportamento dopo i precedenti dimezzamenti.

Il tasso di hash medio, un indicatore impreciso ma ampiamente utile del supporto di rete, nel frattempo stava risalendo verso i massimi storici dopo aver raggiunto 143 exahash al secondo (EH / s) all’inizio di settembre.

Grafico a 1 mese del tasso di hash medio di 7 giorni di Bitcoin

Grafico a 1 mese del tasso di hash medio di 7 giorni di Bitcoin. Fonte: Blockchain

La forza DXY non riesce a annullare BTC

La storia di Trump ha avuto scarso impatto su una metrica essenziale per il dollaro USA, con la quale Bitcoin ha mostrato una forte correlazione inversa negli ultimi mesi.

L’indice di valuta del dollaro USA (DXY) è rimasto stabile mentre la storia delle tasse ha colpito, dopo aver trascorso una settimana a salire.

Il DXY mette l’USD contro un paniere di valute dei partner commerciali e ha migliorato notevolmente la sua posizione da metà settembre. Come Cointelegraph segnalato, questo ha fortemente contribuito alla pressione al ribasso su BTC / USD. Nonostante ciò, Bitcoin ha resistito meglio del previsto nell’ultima settimana, suggerendo che la relazione con l’indice potrebbe essere allentata.

Grafico a 1 mese dell'indice di valuta del dollaro USA

Grafico a 1 mese dell’indice di valuta del dollaro USA. Fonte: TradingView

La scorsa settimana, statistico Willy Woo prevedeva in anticipo che Bitcoin avrebbe “presto” lasciato alle spalle i suoi legami con i mercati tradizionali, inclusi altri paradisi sicuri come l’oro.

Nel frattempo, tuttavia, qualsiasi mossa decisiva in DXY ha ancora il potenziale per influenzare la traiettoria dei prezzi di Bitcoin a breve termine.

$ 150 milioni KuCoin hackerano fondi in movimento

I mercati dei bitcoin potrebbero passare un po ‘di tempo alle prese con le ricadute dell’exchange sudcoreano KuCoin’s major hack, stimato per essere il quarto più grande nella storia.

Per un totale di $ 150 milioni, alcuni dei fondi rubati dall’exchange sono stati successivamente trasferiti a Uniswap, un famoso market maker automatizzato, o AMM, utilizzato per scambiare token DeFi e altre criptovalute.

Secondo la risorsa di monitoraggio Avviso di balene, milioni di dollari in vari token hanno lasciato a Uniswap le fonti identificate di fondi rubati negli ultimi due giorni.

L’hack non ha coinvolto direttamente Bitcoin e BTC / USD è apparso poco scosso dagli eventi – qualcosa in netto contrasto con gli anni precedenti, quando gli hack spesso hanno innescato una forte volatilità dei prezzi.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here