Il custode di Wrapped Bitcoin BitGo ha adottato il meccanismo Proof of Reserve di Chainlink per aumentare la trasparenza e la verificabilità dell’asset tokenizzato per i protocolli DeFi.

La funzionalità, attualmente disponibile su testnet, consente alle dApp basate su Ethereum di automatizzare completamente l’onere dell’audit wBTC. La mossa arriva quando la quantità di Wrapped Bitcoin su Ethereum si avvicina a $ 1 miliardo di valore, o l’equivalente di oltre 92.500 BTC.

Il meccanismo elimina la necessità di fare affidamento su processi manuali fuori catena come i rapporti di audit. Semplifica il processo in modo affidabile e resistente alla censura che conferisce ulteriore credibilità e sicurezza alla versione tokenizzata di Bitcoin.

Custode di Bitcoin avvolto BitGo annunciato la collaborazione Chainlink il 1 ° ottobre, aggiungendo questo significa che le applicazioni DeFi potrebbero ora ricevere la prova definitiva sulla catena per quanto riguarda la collateralizzazione completamente supportata di wBTC.

Il contratto Proof of Reserve accederà a un contratto decentralizzato Catena Oracle per controllare i saldi dei portafogli di custodia BitGo per wBTC ogni dieci minuti, che è il tempo medio tra i blocchi BTC. Se c’è una deviazione da una soglia impostata, l’oracolo spingerà un aggiornamento in catena per fare riferimento al nuovo equilibrio.

I nodi Chainlink monitoreranno continuamente il contratto fuori catena, ma lo aggiorneranno solo quando gli eventi cambiano l’equilibrio come il conio o la masterizzazione di wBTC. Anche i fondi degli utenti possono essere protetti, ad esempio un mercato monetario può controllare collateralizzazione wBTC prima di eseguire un’azione di prestito o assunzione di prestito. L’annuncio ha aggiunto;

“Questa funzione può essere particolarmente vantaggiosa per le applicazioni decentralizzate che utilizzano wBTC come garanzia per proteggere altre risorse digitali”.

Ciò ha l’effetto complessivo di aumentare la fiducia degli utenti nell’asset e di proteggere da eventi imprevisti nei mercati della finanza decentralizzata. Il cofondatore del protocollo Chainlink, Sergey Nazarov, ha detto a Forbes;

“Penso che il concetto di Proof of Reserve in generale riguardi davvero la prova che un asset sottostante da qualche parte si trova in un certo stato. E questa prova è in realtà molto fondamentale per il funzionamento dei sistemi finanziari “.

Ha usato la crisi finanziaria del 2008 come esempio di come ci fosse una disconnessione tra il valore sottostante effettivo di un’attività e il mercato.

Bitcoin nella sua forma nativa non funziona bene con DeFi che è in gran parte basato su Ethereum. Avvolgendolo, o tokenizzandolo in forma ERC-20, è diventato immensamente popolare quest’anno in quanto sono emerse opportunità di agricoltura produttiva su base quasi giornaliera.

Secondo btconethereum.com, attualmente ci sono 125.300 BTC, o $ 1,33 miliardi di valore, tokenizzati per l’uso su Ethereum. Di questo totale, che è aumentato del 970% negli ultimi tre mesi, il wBTC rappresenta il 76%.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here